Bruciano nella notte le auto di un ispettore di polizia e di un vigilante

BRINDISI - Attentato incendiario poco prima dell'alba ai danni di un poliziotto, appena due ore dopo il rogo che ha distrutto la vettura di un dipendente dell'istituto di vigilanza Sicurpol.

Spegnimento di un incendio

BRINDISI - Attentato incendiario poco prima dell'alba ai danni di un poliziotto, appena due ore dopo il rogo che ha distrutto la vettura di un dipendente dell'istituto di vigilanza Sicurpol.

Due incendi distinti il primo di chiara origine dolosa, il secondo di dubbia matrice. Erano le 4.35 quando i vigili del fuoco del comando provinciale sono dovuti intervenire in via Santacroce, in contrada Betlemme: all'interno del cortile dell'abitazione a due passi della litoranea, stava bruciando la Seat Toledo dell'ispettore di polizia Antonio Elia, che presta servizio a Sanremo. Qualcuno ha approfittato del buio per introdursi nel cortile, versare liquido infiammabile con una tanica e innescare l'incendio.

Sul posto gli agenti della sezione volanti guidati dal vice questore aggiunto Alberto D'Alessandro. Secondo gli investigatori non dovrebbe trattarsi di un gesto riconducibile all'attività professionale dell'ispettore che svolge la sua attività nel comune ligure. Indagini sono in corso per risalire agli autori e al movente del gesto.

Accertamenti sono in corso anche per l'incendio che intorno all'una e venticinque del mattino aveva distrutto la Ford Focus del dipendente della Sicurpol Oronzo Cavallo. Incerta l'origine delle fiamme sulle cui cause sono in corso gli accertamenti del caso.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale sulla superstrada: lunedì i funerali del dipendente comunale

  • Omicidio Carvone: nuovi arresti per una sparatoria

  • Violento scontro fra auto e scooter a Brindisi: grave un 15enne

  • Bollo auto non pagato: condono per importi fino a 1000 euro

  • Schiva una coltellata e costringe il bandito a mollare il bottino

  • Minacce e fucilata tra i bambini prima dell'agguato mortale

Torna su
BrindisiReport è in caricamento