Cane di quartiere ucciso con una fucilata in strada, tra la gente

Sulle tracce dell'individuo carabinieri e polizia locale. Remì, amato e curato da tanti, sottoposto ad autopsia su ordine del pm

CAROVIGNO – Se è stato uno squilibrato, va immediatamente disarmato. Se è stata una persona cosiddetta normale, va arrestato per spari in luogo pubblico e per crudeltà nei confronti degli animali. Sono sulle sue tracce, i carabinieri della stazione cittadina dell’Arma e gli agenti della  Polizia locale di Carovigno, dopo lo sparo – quasi certamente una fucilata – che questa mattina ha spaventato gli abitanti di via Mascagni in pieno centro abitato, e tolto la vita a un povero cane randagio accudito da varie persone del posto, che lo avevano battezzato Remì.

Remì, il randagio ucciso a Carovigno-2Chiunque abbia visto l’autore di questo crimine dovrebbe collaborare alle indagini e vincere la comprensibile paura di ritorsioni, chiedono sul loro sito i volontari dell’Oipa di Ostuni e Carovigno, una associazione di guardie ambientali che ha pubblicato anche le terribili foto della fine di Remì, e che noi riproponiamo ai lettori.

La gravità dell’episodio è rimarcata anche dalla circostanze obiettive: erano le 8,15 del mattino, con la gente in strada e i bambini diretti a scuola, quando la persona al momento ancora sconosciuta ha sparato al cane randagio. La morte è stata rapida: colpito dalla scarica sul lato sinistro del torace, il cane benvoluto da tanti è spirato accanto al marciapiedi.

Remì privo di vita-2Sul posto, poco dopo, quando è stato dato l’allarme, si sono recati gli agenti della Polizia locale e una pattuglia di carabinieri del Nucleo radiomobile della compagnia di San Vito dei Normanni. Carovigno è ancora sconcertata dalla drammatica vicenda di ieri mattina, quando nelle campagne tra la cittadina e Ostuni si è consumato il tentato omicidio di una donna da parte dell’ex marito, il quale si è poi tolto la vita.

Il pm di turno alla procura non ha affatto minimizzato la storia di Remì, ed ha disposto l’esame autoptico sul cane. Servirà a togliere ogni dubbio sull’arma utilizzata, e ogni alibi e copertura al responsabile di questo episodio di viltà e crudeltà. Se lo aspettano in molti.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • Ma io dico sono tutti sordi? Una fucilata si sente

  • Avatar anonimo di Ntunucciu
    Ntunucciu

    Basta un bigliettino nella buca delle lettere non serve andare di persona a denunciare se avete visto qualcosa ,

  • Giuro che appena esce il responsabile lo denuncio anche io, e il minimo che gli posso fare.. io lo torturerei x una settimana e poi sparerei lui al posto del bellissimo remi Riposa in pace bellissimo Remi se esiste un Dio gli auguro la più brutta morte che possa esistere...

  • Che uomo di m..........! Ti auguro il "meglio".

  • Avatar anonimo di Ntunucciu
    Ntunucciu

    credo che a Carovigno ci sia gente coerente questo gesto va punito e subito va fermato si poteva trovare un bambino una persona e comunque ha ammazzato un povero cane indifeso amato da tutti a quanto pare ,mi auguro che ci sia questa gente con un cuore perché qualcuno ha visto sicuramente , uno sparo a quell ora non passa inosservato non nascondiamoci divertiamo complici di tale atrocita .

  • Incredibile. Assurdo e vergognoso che razza di gente esiste sulla faccia della terra. Maledetto!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Ricettazione e maltrattamento di animali: denunciati marito e moglie

  • Ambiente

    Sessanta volontari a lavoro per ripulire il litorale: riempiti 100 sacchi

  • Cronaca

    Maltrattamenti in famiglia, un uomo raggiunto da divieto di avvicinamento

  • Cronaca

    Ruba bicicletta da appartamento: incastrato da telecamere

I più letti della settimana

  • Auto contro moto sulla panoramica: morto un imprenditore

  • Tamponamento a catena sulla superstrada: un'auto si ribalta

  • Scu, il nuovo pentito: “La mia latitanza tra Fasano e Porto Cesareo”

  • Rapinatore armato di pistola piomba in farmacia e porta via 600 euro

  • Incidente stradale sulla 379: auto si ribalta, un ferito

  • Brindisi già capitale: Forza Italia ci riprova, depositata proposta di legge

Torna su
BrindisiReport è in caricamento