Non poteva avvicinarsi alla ex, ma continuava a molestarla: altro arresto per stalking

Un 46enne di Brindisi avrebbe violato l'obbligo di tenersi ad almeno 200 metri dalla donna e a 500 metri dalla sua abitazione

BRINDISI – Doveva tenersi a almeno 200 metri dalla ex coniuge e a non meno di 500 metri dalla sua abitazione. Ma incurante di queste prescrizioni, continuava ad avvicinarsi alla donna per molestarla, importunando anche i figli minori e gli ex suoceri. Per questo è stata emessa un’ordinanza di custodia cautelare in regime di domiciliari a carico di un 46enne residente a Tuturano. Il provvedimento restrittivo è stato eseguito dai carabinieri della locale stazione. 

L’uomo era già gravato dal divieto di avvicinarsi ai luoghi frequentati dalla vittima, a causa di una serie di comportamenti persecutori consistiti in telefonate e messaggi con minacce di morte. L’odissea, per la donna, era iniziata nel marzo 2018, a seguito della fine della relazione. 

Ma l’uomo, non avendo accettato la separazione, ha fatto sprofondare la malcapitata in uno stato di ansia e di angoscia. La stessa temeva per la propria incolumità e doveva fare attenzione ogni volta che usciva di casa. Da qui era scaturito l’obbligo, per lo stalker, di tenersi a distanza dalla donna, con l’ulteriore prescrizione di non comunicare attraverso qualsiasi mezzo neppure in forma scritta o a tramite telefono o della rete internet.

Ma i carabinieri hanno accertato una serie di violazioni di tali prescrizioni. L’indagato, infatti, avrebbe fatto ricorso a qualunque espediente per avvicinarsi alla ex e molestarla, manifestando atteggiamento ossessivo anche nei confronti dei figli minori e dei genitori.  Ciò ha indotto il gip del tribunale di Brindisi a emettere nei suoi confronti il provvedimento cautelare degli arresti domiciliari, intimandogli di non allontanarsi dal luogo di restrizione senza autorizzazione. Il 46enne al termine delle formalità di rito è stato condotto nella sua abitazione.

Si tratta del secondo arresto per stalking effettuato a Brindisi nelle ultime ore. Anche la polizia ha infatti eseguito un'ordinanza in regime di domiciliari a carico di un 48enne che nonostante le misure limitaive già emesse nei suoi confronti, continuava a persqguitare sia la ex convivente che la figlia minorenne. 

Potrebbe interessarti

  • La banana, un fabbisogno giornaliero

  • Dopo Ferragosto, in forma con la dieta detox

  • Smettere di fumare: trucchi e consigli per dire addio al tabacco

  • Topi, sporcizia e inciviltà: il parco del Cillarese sprofonda nel degrado

I più letti della settimana

  • Scontro fra tre auto sulla strada per il mare: un morto e nove feriti

  • Parcheggiatore stroncato da infarto nella movida delle discoteche

  • Si apparta con la moglie di un detenuto: mamma e figli lo pestano

  • Tragedia in spiaggia: anziano perde la vita mentre fa il bagno

  • Furti nelle auto parcheggiate sulla costa: scoperti i responsabili

  • Posti in spiaggia "prenotati": la Capitaneria sequestra tutto

Torna su
BrindisiReport è in caricamento