Catturato al Sant'Elia dopo furto d'auto a Squinzano

L'equipaggio di una radiomobile dell'Arma intercetta e blocca dopo inseguimento nella notte un 20enne di Brindisi

BRINDISI - I carabinieri del Norm di Brindisi, dopo un movimentato inseguimento notturno, hanno arrestato in flagranza di furto di un’autovettura Ruben Narcisi, di 20 anni, che rientrava in città dopo aver rubato una Hyundai i20 a Squinzano. Qui, poco prima, Narcisi era riuscito ad infilarsi nella vettura che il proprietario aveva lasciato in moto per aprire il cancello della propria abitazione, ed era partito a tutta velocità.

NARCISI Ruben, classe 1999-2La vittima del furto aveva chiamato immediatamente il 112 denunciando l’accaduto e indicando la direzione di fuga del ladro: verso nord, quindi molto probabilmente verso la vicina provincia di Brindisi. La segnalazione è stata diramata a tutti i reparti dell’Arma delle due province, e una pattuglia del Nucleo radiomobile di Brindisi, dopo aver avvistato l’auto ricercata nel quartiere Sant’Elia, l’ha bloccata in via Melli, nella zona di viale Leonardo da Vinci.

Ruben Narcisi a quel punto ha tentato di sottrarsi alla cattura abbandonando la Hyundai e allontanandosi di corsa, ma dopo circa 600 metri è stato raggiunto dai militari e ammanettato. Il pm competente ha disposto per il giovane brindisino la custodia cautelare domiciliare, in attesa del giudizio con rito direttissimo.

Potrebbe interessarti

  • La banana, un fabbisogno giornaliero

  • Dopo Ferragosto, in forma con la dieta detox

  • Smettere di fumare: trucchi e consigli per dire addio al tabacco

  • Topi, sporcizia e inciviltà: il parco del Cillarese sprofonda nel degrado

I più letti della settimana

  • Scontro fra tre auto sulla strada per il mare: un morto e nove feriti

  • Parcheggiatore stroncato da infarto nella movida delle discoteche

  • Si apparta con la moglie di un detenuto: mamma e figli lo pestano

  • Tragedia in spiaggia: anziano perde la vita mentre fa il bagno

  • Furti nelle auto parcheggiate sulla costa: scoperti i responsabili

  • Posti in spiaggia "prenotati": la Capitaneria sequestra tutto

Torna su
BrindisiReport è in caricamento