Ceglie, case occupate abusivamente: la prossima settimana gli sgomberi

Sono 12 le famiglie che devono, ancora, lasciare gli alloggi di residenza popolare di proprietà del Comune

CEGLIE MESSAPICA - Partiranno la prossima settimana e saranno scaglionate in più momenti le operazioni di sgombero delle ultime 12 famiglie abusive delle case popolari di Ceglie Messapica. Il tavolo tecnico si è tenuto questa mattina in Questura, alla presenza del Vicario, del comandante della compagnia carabinieri di San Vito dei Normanni, del comandante della Guardia di Finanza di Ostuni, del comandante della stazione carabinieri di Ceglie Messapica nonchè del comandante della polizia locale messapica e la responsabile dell'ufficio servizi sociali del Comune.

Pieno riserbo sui giorni nei quali avverà lo sgombero per ragioni di ordine pubblico, anche, perchè torneranno a riunirsi per valutare alcune situazioni particolari. Tra i nuclei familiari, infatti, vi sono persone in terapia oncologica. Il Comune, comunque, ha dato piena disponibilità a trovare adeguata sistemazione a quelle famiglie che non possono beneficiare dell'aiuto di parenti. 

Le indagini hanno avuto inizio a seguito di una richiesta da parte della Prefettura sugli immobili di proprietà comunale occupati abusivamente. A conclusione degli accertamenti, il pm Pierpaolo Montinaro, che ha coordinato le indagini, ha chiesto e ottenuto dal gip Valerio Fracassi l’emissione di un provvedimento di sequestro di questi alloggi dislocati in diversi lotti. Agli occupanti abusivi furono concessi 15 giorni di tempo per lasciare le abitazioni più una proroga di ulteriori 15 giorni dopo il ricorso presentato dai legali delle famiglie. In queste settimane, infatti, alcuni abitanti hanno traslocato volontariamente senza attendere l'ultimo giorno previsto dalla proroga, ovvero il 12 febbraio. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donna muore al Pronto soccorso: negativo il test del coronavirus

  • Virus, paziente in valutazione al Perrino. Treno bloccato a Lecce

  • Virus, declassato caso sospetto, ma resta l'isolamento. Un altro oggi

  • Coronavirus: primo caso positivo al test in Puglia

  • Flacone di amuchina a prezzo quintuplicato: nei guai un commerciante

  • Coronavirus: "Pugliesi di rientro dal Nord contattino le autorità sanitarie"

Torna su
BrindisiReport è in caricamento