Un'altra cena tutti "in bianco", ma questa volta sarà Guerrilla Cuisine

Questa sera, lunedì 24 agosto, con inizio alle ore 20.30, Guerrilla Cuisine apparecchierà i suoi tavoli su Piazza Marconi a San Michele Salentino in Provincia di Brindisi. Per il secondo anno consecutivo davanti al simbolo falce e forchetta si ritroveranno più di mille persone che vogliono vivere un’esperienza unica di totale condivisione con gli altri partecipanti e mettendo insieme cuochi, produttori, agricoltori locali, artisti e istituti di beneficenza

SAN MICHELE SALENTINO - Questa sera, lunedì 24 agosto, con inizio alle ore 20.30, Guerrilla Cuisine apparecchierà i suoi tavoli su Piazza Marconi a San Michele Salentino in Provincia di Brindisi. Per il secondo anno consecutivo davanti al simbolo falce e forchetta si ritroveranno più di mille persone che vogliono vivere un’esperienza unica di totale condivisione con gli altri partecipanti e mettendo insieme cuochi, produttori, agricoltori locali, artisti e istituti di beneficenza.

La Guerrilla Cuisine, ha canali di accesso particolari, alle cene organizzate si accede per passa parola e solo se si viene introdotti da qualcuno già interno. Quindi, annuncio al pubblico solo all'ultimo momento (oggi), e chi ci vuole provare dovrà trovarsi un contatto, magari su Facebook o Twitter. Il concetto di Guerrilla Cuisine, introdotto in Puglia per la prima volta da Pierangelo Argentieri, è nato nel 2006 negli Stati Uniti come Movimento per la liberazione del gusto e con la consapevolezza che molti danni al pianeta arrivano proprio dal consumo alimentare.

 “A San Michele Salentino l’iniziativa viene intesa come una manifestazione di socialità in cui la nostra piazza e le nostre attività gastronomiche sono protagoniste nella promozione della nostra grande vocazione: l’ospitalità. Consumando, se possibile, materie prime di produzione locale”, spiega lo stesso Argentieri. 

San Michele SalentinoTutti i partecipanti saranno vestiti rigorosamente di bianco. Il menù prevede sovra tavolo con pane e focaccia al pomodoro,  puccia alla cipolla a cura dei forni locali; Antipasto: fichi freschi formaggi e capocollo delle nostre masserie; Primo piatto: orecchiette con pomodoro fiaschetto di Torre Guaceto con  basilico e cacioricotta; Secondi piatti: fornello tipico sanmichelano e friggitoria di mare in cartoccio e verdure crude; Dessert: cialda di mandorle e zucchero con mousse di ricotta e julienne di fichi mandorlati produzione 2015 in anteprima per tutti. Vino Doc primitivo di Manduria.

L’intrattenimento  della Guerrilla Cuisine prevede quali ospiti  Maurizio Pretelli Big Band e Antonio Stornaiolo. Il primo proporrà un affascinante affresco musicale dell’età del jazz. Il secondo, da abile presentatore e improvvisatore, condurrà la serata con ritmo, gusto ed eleganza. Il sottotitolo della Guerrilla Cuisine è “… aspettando il fico mandorlato”. Infatti sabato e domenica prossimi a San Michele Salentino si svolgerà la quattordicesima edizione della Fiera del Fico mandorlato e dei Prodotti tipici.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Nessuno ha mai pensato di aggiungere e fare la marmellata di fichi, in questi giorni mia moglie l'ha fatta ed e' straordinaria. Provare per credere.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Agente infedele intasca i soldi dei clienti: condannata compagnia assicuratrice

  • Cronaca

    “Sono io il rapinatore della gioielleria, gli altri non c’entrano”

  • Cronaca

    Incidente mentre pescava polpi, muore un pensionato

  • Cronaca

    Incontro di riflessione e preghiera ricordando Lorenzo Caiolo

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sulla statale 7: muore ex sindaco di San Vito

  • Morte ex sindaco: arrestato l'altro conducente, sotto effetto di alcol e droga

  • Auto si schianta contro un trattore sulla Brindisi-San Vito: un ferito

  • Brindisina uccisa a colpi di pistola in Brianza

  • Marijuana nello zaino: arrestata studentessa di 16 anni

  • Il commosso addio al professor Caiolo: "Una persona semplice, gli dobbiamo tanto"

Torna su
BrindisiReport è in caricamento