Tragedia nella Centrale Federico II: operaio si sente male e muore

Tragedia alle prime ore del giorno di oggi nella centrale termoelettrica Federico II di Cerano: un operaio di 49 anni di origine croata è stato colto da malore ed è morto sotto gli occhi dei suoi colleghi poco prima di iniziare a lavorare

BRINDISI – Tragedia alle prime ore del giorno di oggi nella centrale termoelettrica Federico II di Cerano: un operaio di 49 anni di origine croata è stato colto da malore ed è morto sotto gli occhi dei suoi colleghi poco prima di iniziare a lavorare. L'uomo è un dipendente della società brindisina Scandiuzzi Costruzioni, una delle tante ditte che sta partecipando ai lavori di costruzione di due carbonili coperti all'interno dell'impianto industriale.

L'operaio si è accasciato al suolo perdendo i sensi e per lui non c'è stato nulla da fare. Era rientrato dalle ferie da pochissimi giorni, stava per iniziare a lavorare quando avrebbe riferito ai colleghi di non sentirsi bene, poi si sarebbe diretto verso gli spogliatoi per prendere una boccata d'aria ma poco dopo è caduto per terra. I colleghi lo avrebbero trovato agonizzante, hanno immediatamente allertato i soccorsi. In suo aiuto si è precipitata un'ambulanza del presidio di Pronto soccorso presente all'interno dello stabilimento ma per lui non c'è stato nulla da fare: ogni disperato tentativo di rianimarlo è risultato vano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbarco in piena pandemia: decine di migranti rintracciati a Cerano

  • Altri 23 casi in provincia di Brindisi: il bilancio sale a quota 148

  • Coronavirus: due decessi a Carovigno, primo caso a San Donaci

  • Tre nuovi contagiati nel Brindisino e sei persone decedute

  • Addio a Nanuccio il pescatore: da 12 giorni attendeva l'esito del tampone

  • Azzeramento dei contagi in Puglia: le proiezioni di un centro di ricerca

Torna su
BrindisiReport è in caricamento