Coltivava cannabis nonostante fosse ai domiciliari: nuovo arresto per un giovane

Nonostante fosse recluso in regime di domiciliari, coltivava la marijuana in casa. Nuovi guai per il 30enne Alberto Lamarina, nato Francavilla Fontana e residente a San Michele Salentino

Foto di repertorio

SAN MICHELE SALENTINO – Nonostante fosse recluso in regime di domiciliari, coltivava la marijuana in casa. Nuovi guai per il 30enne Alberto Lamarina, nato Francavilla Fontana e residente a San Michele Salentino . L’uomo è stato arrestato in flagranza di reato dai carabinieri del Norm della compagnia di San Vito dei Normanni per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. 

Lamarina, nel corso di un controllo nei confronti di persone gravate da misure restrittive, è stato trovato in possesso di 3 grammi di hascisc, una pianta in vaso di cannabis indica coltivata all’interno di una piccola serra artigianale, nonché materiale vario per la coltivazione della stessa. Il francavillese, quindi, è stato nuovamente sottoposto agli arresti domiciliari.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Estorsioni ai giostrai della festa patronale: Comune di Brindisi assente nel processo

    • Politica

      Aeroporto, Emiliano e il distacco da Brindisi

    • Cronaca

      Operaio schiacciato da pressa per rifiuti: un indagato per omicidio colposo

    • Cronaca

      Multiservizi, stipendi in ritardo: in agitazione 193 dipendenti

    I più letti della settimana

    • Tragedia del lavoro, muore operaio: aveva 24 anni

    • Studente colto da malore il classe: il professore gli salva la vita

    • Pizzaiolo di Brindisi nell’olimpo degli stellati: è stato assessore provinciale

    • Scu, arrestato latitante: trovato dai carabinieri in una casa di campagna

    • Stefano Cucchi, inchiesta bis: omicidio preterintenzionale per il carabiniere brindisino

    • Maltempo in arrivo: allerta gialla in provincia di Brindisi e in Puglia

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento