Coltivava cannabis nonostante fosse ai domiciliari: nuovo arresto per un giovane

Nonostante fosse recluso in regime di domiciliari, coltivava la marijuana in casa. Nuovi guai per il 30enne Alberto Lamarina, nato Francavilla Fontana e residente a San Michele Salentino

Foto di repertorio

SAN MICHELE SALENTINO – Nonostante fosse recluso in regime di domiciliari, coltivava la marijuana in casa. Nuovi guai per il 30enne Alberto Lamarina, nato Francavilla Fontana e residente a San Michele Salentino . L’uomo è stato arrestato in flagranza di reato dai carabinieri del Norm della compagnia di San Vito dei Normanni per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. 

Lamarina, nel corso di un controllo nei confronti di persone gravate da misure restrittive, è stato trovato in possesso di 3 grammi di hascisc, una pianta in vaso di cannabis indica coltivata all’interno di una piccola serra artigianale, nonché materiale vario per la coltivazione della stessa. Il francavillese, quindi, è stato nuovamente sottoposto agli arresti domiciliari.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Traffico di droga con l’Albania, otto brindisini rischiano il processo

    • Cronaca

      Ostuni: le mamme presidiano Pediatria. "L'ospedale non deve chiudere"

    • Cronaca

      Omicidio Salati, ergastolo definitivo per Pasimeni. Al pentito nove anni

    • Incidenti stradali

      Auto contro muretto a secco: conducente positivo ad alcool e droga

    I più letti della settimana

    • Inseguimento dopo furto di un camion: carabinieri speronati, recuperati i mezzi

    • Perde il controllo dell'auto e si ribalta nelle campagne: grave un giovane

    • Omicidi Scu, anche in Appello chiesto l’ergastolo per tre brindisini

    • Controlli con elicottero: sequestri di armi e droga, decine di perquisizioni

    • Auto a velocità folle travolge albero e fioriera in viale Commenda

    • Nuovo assalto armato alla tabacchiera presa di mira un mese fa

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento