Coltivava cannabis nonostante fosse ai domiciliari: nuovo arresto per un giovane

Nonostante fosse recluso in regime di domiciliari, coltivava la marijuana in casa. Nuovi guai per il 30enne Alberto Lamarina, nato Francavilla Fontana e residente a San Michele Salentino

Foto di repertorio

SAN MICHELE SALENTINO – Nonostante fosse recluso in regime di domiciliari, coltivava la marijuana in casa. Nuovi guai per il 30enne Alberto Lamarina, nato Francavilla Fontana e residente a San Michele Salentino . L’uomo è stato arrestato in flagranza di reato dai carabinieri del Norm della compagnia di San Vito dei Normanni per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. 

Lamarina, nel corso di un controllo nei confronti di persone gravate da misure restrittive, è stato trovato in possesso di 3 grammi di hascisc, una pianta in vaso di cannabis indica coltivata all’interno di una piccola serra artigianale, nonché materiale vario per la coltivazione della stessa. Il francavillese, quindi, è stato nuovamente sottoposto agli arresti domiciliari.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Brindisi, arriva il commissario prefettizio: è un poliziotto antimafia

    • Politica

      Depositate le dimissioni. Ripartono le speranze, ma anche i riciclaggi

    • Politica

      Centrodestra a pezzi a Carovigno: si dimette il sindaco Brandi

    • Cronaca

      Il saluto del prefetto Vardé: "Dal vostro voto dipenderà il futuro della città"

    I più letti della settimana

    • “Compa’ seminiamo il panico per la città: si devono prendere paura”

    • Ordinanza di demolizione per due lidi di Apani: Municipale in azione

    • Dosi di droga nella borsa e nelle tasche dei jeans: arrestata una ragazza

    • Altra tragedia sfiorata sulla Torre-Mesagne: "Mettete in sicurezza quell'incrocio"

    • Rapinatori scatenati: nuovo assalto armato al supermercato Dok

    • "Omicidio mafioso premeditato": ergastolo confermato in Cassazione

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento