Comune condannato a reintegrare un funzionario: "Ingiusto demansionamento"

Sentenza del Tribunale di Brindisi. L'Ente dovrà risarcire e pagare le spese legali. La Cgil: "Danno morale"

VILLA CASTELLI - Con sentenza del 16 gennaio scorso il Tribunale di Brindisi ha condannato il Comune di Villa Castelli  a reintegrare nelle proprie mansioni il funzionario Paolo Siciliano, il quale dal 2014 ad oggi aveva subito un "ingiusto demansionamento"

L’Amministrazione Comunale è stata condannata a reintegrare il dipendente nelle mansioni effettivamente ascrivibili alla categoria D3, oltre al risarcimento  del danno da demansionamento patito dal 2014 ad oggi  e  alla condanna alle spese di giudizio. "Resta il danno  morale subito dal dipendente per  le ingiustizie subite  in questi 4 anni   per cui saranno valutate idonee iniziative", sostiene la segreteria territoriale della Cgil con nota a firma di Patrizia Stella. "Come segreteria territoriale continueremo a denunciare  abusi tendenti ad eludere le norme contrattuali  affinchè le prerogative datoriali siano esercitate nel rispetto delle leggi e del Contratto collettivo nazionale di lavoro".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brindisi, ospedale Perrino: turista lombardo positivo al Covid-19

  • Furgone si ribalta sull'autostrada: brindisino muore in Veneto

  • Assalto al blindato Cosmopol, gli arresti della banda

  • “Ego”: Jasmine Carrisi debutta come cantante

  • Alle rapine con la mamma: colpi ai distributori, quattro arresti

  • Spari contro il balcone di un'abitazione: feriti marito e moglie

Torna su
BrindisiReport è in caricamento