Con il biglietto del treno pretende di salire in aereo e aggredisce poliziotto

Fermato nell'aeroporto di Brindisi un uomo extracomunitario: ferito anche un finanziere intervenuto in aiuta dell'agente. Voleva raggiungere la sua famiglia in Burkina Faso

BRINDISI - Con un biglietto del treno, un cittadino extracomunitario pretendeva di salire su un aereo e quando è stato fermato dagli agenti in servizio nello scalo di Brindisi è andato in escandescenze e ha aggredito un poliziotto e un finanziere. Il militare è rimasto lievemente ferito, l'uomo, nativo del Burkina Faso, è stato fermato per essere identificato in attesa della decisione del magistrato di turno al quale sarà trasmessa l'informativa.

Un'immagine dell'aeroporto di Brindisi

L'aggressione è avvenuta questa mattina nella cosiddetta area sterile dell'aeroporto di Brindisi, dove sono ammessi unicamente i passeggeri muniti di biglietto di volo, dopo aver fatto il check-in. L'ingresso dell'uomo è stato notato dai poliziotti in servizio, di conseguenza è stato fermato: quando il poliziotto gli ha chiesto di mostrare il titolo di viaggio, l'extracomunitario avrebbe iniziato ad alzare la voce aggredendo verbalmente chi continuava a domandare il biglietto.

Dopo qualche minuto, l'uomo avrebbe mostrato il biglietto per il treno e quando il poliziotto gli ha fatto notare che lì non poteva restare e lo ha invitato a seguirlo per uscire, è stato aggredito fisicamente. Il finanziere sarebbe intervenuto in difesa del polziotto, rimediando calci e pugni. L'extracomunitario, una volta portato negli uffici, ha spiegato che voleva partire per raggiungere la sua famiglia, in Burkina Faso,  una regione dell'Africa occidentale. E avrebbe aggiunto di non vedere i suoi parenti da tempo. 

Lo stesso extracomunitario avrebbe aggredito un carabiniere il 20 luglio scorso. Questa mattina lo scalo è rimasto regolarmente aperto, senza alcuna sospensione dei voli. Tutto, infatti, si è svolto nell'arco di pochi minuti.

“Quanto accaduto oggi in aeroporto a Brindisi dimostra, ancora una volta, la fragilità del sistema difensivo del nostro Paese”, dice il parlamentare brindisino Mauro D’Attis "Nonostante quanto avvenuto sei giorni addietro,  continuava a girare liberamente nel nostro Paese e – cosa ancor più grave – sostava per ore in un obiettivo sensibile come l’aeroporto. La conseguenza è che un poliziotto, un finanziere e due vigilantes sono finiti in ospedale per fermarlo. E’ evidente  che c’è qualcosa che non funziona nei sistemi di controllo, così come è ben chiaro che bisogna dotare le forze dell’ordine di un maggior numero di uomini e soprattutto del taser. Parlerò dell’accaduto direttamente con il Ministro dell’Interno perché quanto accaduto non passi in sordina".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • D’Attis forse non sa che la giustizia in Italia è stata smantellata principalmente dai governi dell’amico  suo Berlusconi, si denota la totale mancanza di vergogna del D’Attis se nonché la totale ignoranza se non complicità dei brindisini che lo hanno votato

  • Basta che chiamava salvini e un biglietto di sola andata glielo facevano volentieri senza più fare ritorno però

  • Voleva andare a casa sua? E perché non lo hanno spedito là, ma con biglietto di sola andata però. Ora riceverà le scuse delle autorità italiane, un premio e chissà forse pure un lavoro. A quelli delle forze dell'ordine una diffida ( se andrà bene) a farsi picchiare di più dai clandestini.

  • speriamo che vengano forniti al più presto al personale delle forze dell'ordine!

  • Diciamo due caro Vincenzo, una anche al funzionario che all’epoca lo fece entrare su territorio italiano.(i)

  • Avatar anonimo di Vincenzo
    Vincenzo

    una scarica di taser ci voleva al tizio si sarebbe calmato subito

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Incidente alle porte del paese: tre giovani hanno perso la vita

  • Cronaca

    Rapinatori nell'ufficio postale del Casale: "Tranquilli, vi vogliamo bene ragazzi"

  • Cronaca

    Trasportavano parti auto rubata: inseguiti e presi dalla Polstrada

  • Cronaca

    Con pistola e machete nella sala giochi: rapina nella notte in viale Commenda

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla strada Ostuni-Montalbano: morti due ragazzi

  • Attaccati e feriti da pitbull, cavalla sbalza il padrone e fugge in paese

  • Abusi sessuali su un ragazzino di 12 anni: arrestato 70enne

  • Rapinatori nell'ufficio postale del Casale: "Tranquilli, vi vogliamo bene ragazzi"

  • Giovane disoccupata voleva lanciarsi nel vuoto, bloccata da passante

  • E alla spiaggia della polizia compare una colmata sugli scogli

Torna su
BrindisiReport è in caricamento