Arriva il conto per rapine, furti e lesioni: nove anni da scontare

Eseguito dai carabinieri della stazione locale un ordine di carcerazione a carico di Giuseppe Leone, 28 anni, di Villa Castelli

VILLA CASTELLI – Un conto pesante, quello recapitato dai carabinieri della stazione di Villa Castelli al 28enne Giuseppe Leone: un ordine di carcerazione per cumulo pene, dell’entità di 9 anni, 9 mesi e 7 giorni di reclusione per i reati di rapina, furto e lesioni personali, reati commessi nell’arco temporale che va dal 2015 al 2017. In particolare, in concorso con altre persone, leone è stato riconosciuto definitivamente colpevole di episodi criminosi avvenuti sia nella provincia di Brindisi che nella provincia di Taranto, nei comuni di Oria, San Marzano di San Giuseppe, Sava, Latiano e Monteiasi. L’attività investigativa finalizzata all’individuazione degli autori di quei fatti fu condotta dai carabinieri di Oria e dalla compagnia di Francavilla Fontana. L’arrestato ha subito anche una condanna per spaccio di stupefacente. Per tale reato fu arrestato in flagranza dal Nucleo operativo della Compagnia di Francavilla Fontana, dopo una perquisizione domiciliare notturna. Giuseppe Leone è associato nel carcere di Brindisi come disposto dall’autorità giudiziaria.

Potrebbe interessarti

  • Dopo Ferragosto, in forma con la dieta detox

  • Potassio, usi e benefici: perché assumerlo e gli alimenti che lo contengono

  • Falsi amici: gli alimenti che mangi per dimagrire, invece fanno ingrassare

  • Topi, sporcizia e inciviltà: il parco del Cillarese sprofonda nel degrado

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla superstrada: camionista travolto e ucciso da un'auto

  • "Hanno aiutato il nostro bimbo, aiutateci a rintracciarli e ringraziarli"

  • Pulmino si schianta contro un albero: feriti sette braccianti, due sono gravi

  • Locali e attrezzature sporchi e ragnatele sulle pareti: chiuso panificio

  • Incidente al solito incrocio tra le provinciali: coinvolti due auto e un camion

  • Auto si ribalta sulla superstrada: illesi tre giovani brindisini

Torna su
BrindisiReport è in caricamento