Workshop per aspiranti fotogiornalisti nelle zone di crisi

Si svolgerà per la quarta volta presso la Scuola di Cavalleria dell’Esercito Italiano, a Lecce, il workshop, “Fotogiornalismo in aree di conflitto”, tenuto da Pier Paolo Cito

Si svolgerà per la quarta volta presso la Scuola di Cavalleria dell’Esercito Italiano, a Lecce, il workshop, “Fotogiornalismo in aree di conflitto”, tenuto da Pier Paolo Cito, fotogiornalista impegnato degli ultimi 15 anni nella copertura fotografica dei maggiori conflitti internazionali (wwww.pierpaolocito.it). Nel workshop saranno analizzate le varie difficoltà che si incontrano quando si lavora negli scontri urbani in Italia e all’estero (ormai sempre più frequenti) e di quelle, all’estero, in zone di crisi o di conflitto (teatri di guerre convenzionali e non).

Il workshop non è solo diretto agli operatori media ma anche a tutti coloro che potrebbero trovarsi ad affrontare queste difficoltà durante il proprio lavoro (ricercatori universitari, dipendenti di società multinazionali) o durante il loro tempo libero a seguito di scontri urbani o attentati. Il workshop dura tre giorni ed è diviso in tre parti.

Nel corso della prima giornata  saranno trattati i vari scenari di scontri urbani in Italia e all’estero e come prevederli e affrontarli (abbigliamento, attrezzatura specifica e tutti i dettagli o le dinamiche a cui bisogna far caso). Sarà anche trattato il tipo di comportamento da avere con i manifestanti e i membri delle forze dell’ordine.

bannerS-2

Nel secondo giorno di workshop saranno trattate le caratteristiche del lavoro all’estero in zone di crisi e di conflitto ( convenzionale e non). Personale militare specializzato contribuirà ad affrontare alcuni aspetti tecnici (rischio IED, gli Improvised explosive devices e le caratteristiche dell’ “embedding” ).

Nella terza giornata i partecipanti saranno “embedded” con i militari dell’Esercito Italiano e parteciperanno ad una reale fase addestrativa del personale militare impegnati in “territorio ostile” all’interno di un poligono militare. Si avrà modo di vivere lo stress fisico (indossando giubbetto antiproiettile ed elmetto per tutta la durata dell’esercitazione) e psicologico di chi opera in ambiente a rischio di attacco nemico.

Lo scopo del workshop è di rendere i partecipanti consapevoli dei rischi che possono correre e quindi anticiparli per prendere consapevolmente le decisioni più adatte nelle varie situazioni. Il workshop si terrà all’interno della Scuola di Cavalleria presso la Caserma Zappalà di Lecce, e l’esercitazione si svolgerà nel poligono di Torre Veneri, sulla costa, durante un reale fase formativa del personale militare. Il workshop comprende il pernottamento in caserma nei giorni 7 e 8 Novembre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per ulteriori informazioni su costi e dettagli del programma inviare una mail a workshop@pierpaolocito.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbarco in piena pandemia: decine di migranti rintracciati a Cerano

  • Coronavirus: due decessi a Carovigno, primo caso a San Donaci

  • Altri 23 casi in provincia di Brindisi: il bilancio sale a quota 148

  • Tre nuovi contagiati nel Brindisino e sei persone decedute

  • "Ora basta". I medici esasperati scrivono a prefetto e procuratore

  • Carovigno, imprenditore dona buoni spesa da 30 euro per persone in difficoltà

Torna su
BrindisiReport è in caricamento