Coste e reati, problema acquascooter

BARI - La Puglia è la terza regione d'Italia per i reati commessi sulle coste. Grazie al numero verde del Wwf Puglia per il Tacco d'Italia, si sono registrate 200 segnalazioni di irregolarità presunte di cui il 60% circa commesse sul demanio marittimo e circa il 30% su aree attigue. Dalla distruzione di dune, alle infrazioni delle ordinanze di balneazione. Numerose sono state le segnalazioni e denunce a Brindisi città per i natanti che hanno violato l'ordinanza di sicurezza.

Costa fasanese invasa da auto e camper

BARI - La Puglia è la terza regione d'Italia per i reati commessi sulle coste. Grazie al numero verde del Wwf Puglia per il Tacco d'Italia, si sono registrate 200 segnalazioni di irregolarità presunte di cui il 60% circa commesse sul demanio marittimo e circa il 30% su aree attigue. Dalla distruzione di dune, alle infrazioni delle ordinanze di balneazione. Numerose sono state le segnalazioni e denunce a Brindisi città per i natanti che hanno violato l'ordinanza di sicurezza.

E' l’800.08.58.98 il numero verde per le segnalazioni dei reati ambientali del Wwf Puglia. Le spiagge pugliesi, nei tre mesi clou dell'estate (giugno - luglio e agosto), sono prese d'assalto e in concomitanza si sono moltiplicate le segnalazioni degli abusi. Le delegazioni del consiglio regionale del Wwf hanno incontrato i comandanti delle Capitanerie di Porto per fare il punto della situazione. "Il numero verde assume - fanno sapere dal Wwf - un importante funzione per la prevenzione delle violazioni in materia ambientale in quanto, a differenza di altri dati statistici diffusi a distanza di mesi, fotografa lo stato attuale dei litorali pugliesi".

Numerose denunce hanno riguardato natanti troppo vicini alla costa in particolare preso le città di Brindisi costa a nord, Trani località Colonna, Otranto località Alimini, Monopoli e coste salentine.  Secondo l'Ordinanza di Sicurezza Balneare delle Capitanerie di porto pugliesi per qualsiasi mezzo nautico (compresi natanti a remi, jole, canoe, sandolini, pattini, mosconi, lance e simili) è interdetta la navigazione sino a 200 metri dalle spiagge (arenili) e dalle scogliere basse e fino a 100 metri dalle scogliere a picco sul mare. Per gli acquascooter, moto d’acqua e similari la distanza può salire a 400 metri (quasi mai rispettata sulla costa brindisina, dove le segnalazioni e denunce si sono sprecate).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mentre per quanto riguarda la costa da Carovigno a Fasano, ci sono state segnalazioni per le auto parcheggiate abusivamente sulle aree demaniali. "Desideriamo ringraziare gli uomini delle Capitanerie di Porto per l' intenso lavoro svolto - ha dichiarato il vicepresidente del Wwf Puglia Mauro Sasso -. Sappiamo che le nostre segnalazioni hanno fornito numerosi spunti investigativi, di cui daremo conto nel report finale del Numero Verde. Per una corretta gestione del nostro territorio costiero regionale - conclude Sasso - è necessario assicurare adeguati strumenti normativi al sistema di vigilanza e controllo delle polizie locali e maggiori risorse ai Comuni che sono di fatto i gestori del demanio marittimo". Il lavoro degli uomini delle Capitanerie pugliesi non si ferma qui.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Traffico internazionale di sostanze stupefacenti: nove arresti

  • Coronavirus, nell'ospedale Melli cinque operatori sanitari e un paziente positivi

  • Covid-19, anche un ricercatore di Francavilla a caccia della cura

  • Appropriazione indebita: 31 auto sequestrate dalla polizia a Brindisi

  • Scontro fra due auto sulla provinciale: feriti un uomo e una donna

  • "Impossibile garantire distanziamento sociale", Carrisiland rinuncia alla stagione 2020

Torna su
BrindisiReport è in caricamento