Cumuli di posidonia sulla battigia: trattori in azione sulle spiagge libere

Intervento della ditta Ecotecnica per depositare alle spalle degli arenili i cumuli di pianta acquatica

BRINDISI – I trattori hanno solcato la sabbia anche dopo il tramonto. La ditta Ecotecnica è al lavoro per liberare le spiagge libere dalla posidonia. L’intervento consiste nell’abbancamento della pianta acquatica alle spalle degli arenili. Quelle che volgarmente vengono definite alghe, infatti, essendo assoggettate a vincoli di tutela, non possono essere né conferite in discarica né asportate. Quello che si può fare è rimuoverle dalla battigia, per depositarle alcune decine di metri più dietro.

Nei giorni scorsi, in particolare, alcuni lettori avevano segnalato la fastidiosa presenza di cumuli di posidonia sulla battigia della spiaggia libera dell’ex lido Poste. Per quanto poco gradita ai bagnanti, però, la pianta acquatica svolge un ruolo di fondamentale importanza nel ripascimento degli arenili, contrastando il fenomeno dell’erosione costiera. Per questo può essere spostata, ma non rimossa dalla spiaggia. 

sanificazione piazza Duomo-2

Contestualmente, la ditta salentina ha avviato l'attività di sanificazione del centro cittadino. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brindisi, ospedale Perrino: turista lombardo positivo al Covid-19

  • Furgone si ribalta sull'autostrada: brindisino muore in Veneto

  • Assalto al blindato Cosmopol, gli arresti della banda

  • “Ego”: Jasmine Carrisi debutta come cantante

  • Spari contro il balcone di un'abitazione: feriti marito e moglie

  • Giovane malmenata in strada: carabiniere fuori servizio blocca fidanzato violento

Torna su
BrindisiReport è in caricamento