Deceduta dopo dimissioni dal Pronto soccorso: indagati tre medici

Tre medici, due in servizio al Pronto soccorso di San Pietro e uno in Cardiologia di Brindisi, sono stati iscritti nel registro degli indagati nell'indagine avviata per fare chiarezza sulla morte di una 62enne sampietrana

SAN PIETRO VERNOTICO – Tre medici, due in servizio al Pronto soccorso e uno in Cardiologia di Brindisi, sono stati iscritti nel registro degli indagati nell’indagine avviata dai carabinieri di San Pietro Vernotico per fare chiarezza sulla morte della 62enne sampietrana, R.C. deceduta all’alba di domenica scorsa dopo essere stata dimessa dal Pronto soccorso di San Pietro dove si era recata perché affetta da alcuni disturbi. Nelle prossime ore il pubblico ministero titolare delle indagini, Vincenzo Carluccio, conferirà l’incarico per l’autopsia, l’iscrizione dei tre medici nel registro degli indagati è un atto dovuto per permettere agli stessi di nominare un perito di parte.

pronto soccorso ospedale melli san pietro

La famiglia vuole chiarezza sulle cause che hanno determinato la morte della 62enne. Sabato scorso la donna, già con problemi cardiopatici pregressi, si è recata al Pronto soccorso del nosocomio sampietrano perché non si sentiva bene. È stata sottoposta a tutti gli accertamenti del caso e rimandata a casa con una terapia. I medici che l’hanno presa in carico sono i due che si sono succeduti al cambio di turno, entrambi di Brindisi, e colui che era di turno nel reparto di cardiologia del Perrino di Brindisi. La 62enne è stata trovata senza vita, dal marito, nel suo letto nella mattinata di domenica, alcune ore dopo le dimissioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I famigliari hanno richiesto subito l’intervento dei carabinieri, una pattuglia della locale stazione, agli ordini del maresciallo Giuseppe Pisani, si è recata al Pronto soccorso per prelevare la documentazione medica. Del fatto è stato informato il pubblico ministero di turno che ha avviato le indagini. L’autopsia servirà per stabilire se al Pronto soccorso del Melli sono stati eseguiti tutti gli accertamenti necessari per evitare la tragedia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Traffico internazionale di sostanze stupefacenti: nove arresti

  • Agguato al rione Sant'Elia: giovane automobilista ferito alla gamba

  • Coronavirus, nell'ospedale Melli cinque operatori sanitari e un paziente positivi

  • Covid-19, anche un ricercatore di Francavilla a caccia della cura

  • Movida blindata a Brindisi: le forze dell'ordine sciolgono gli assembramenti

  • Tenta rapina in rivendita di pane, il titolare reagisce e lei fugge: denunciata

Torna su
BrindisiReport è in caricamento