Prendono in affitto casa in montagna, ma i proprietari non ne sanno nulla

Una famiglia di San Donaci truffata tramite la pubblicazione di un falso annuncio su Subito.it. Versati 2500 euro ai truffatori

SAN DONACI – Avevano raggiunto l’Abruzzo, certi di trascorrere un paio di mesi di relax in un appartamento circondato dai boschi, ma una volta giunti a destinazione, l’amara sorpresa: non solo la casa era occupata dai legittimi proprietari, ma questi non avevano mai pensato di affittarla per il periodo estivo. 

E’ costata 2500 euro una truffa perpetrata ai danni di una famiglia di San Donaci, attraverso un falso annuncio pubblicato sul sito di compravendite online, Subito.it. I responsabili del raggiro sono stati identificati e denunciati a piede libero dai carabinieri della stazione di San Donaci, attivatisi dopo aver raccolto la denuncia della famiglia. Si tratta di una coppa di truffatori seriali residente in Abruzzo già nota per “scherzetti” di questo tipo e insolvenze varie. 

L’annuncio messo sul web era corredato di foto dell’appartamento. Allettata dalla possibilità di trascorrere i mesi di luglio e agosto in una incantevole località dell’appennino abruzzese, la famiglia di San Donaci ha purtroppo aderito all’offerta, accreditando sulla carta postepay indicata dai due truffatori, la somma di 2500 euro. 

Ma quella casa non era mai stata messa in affitto. Purtroppo, come in questo caso, non sempre la truffa riguarda oggetti materiali, si verifica che molti ritengono di programmare le vacanze locando appartamenti privati nei luoghi di villeggiatura, sia marina che montana, per poi scoprire che si tratta di immobili abitati dai proprietari, ovvero inesistenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donna muore al Pronto soccorso: negativo il test del coronavirus

  • Virus, paziente in valutazione al Perrino. Treno bloccato a Lecce

  • Virus, declassato caso sospetto, ma resta l'isolamento. Un altro oggi

  • Detenuto ai domiciliari ingerisce acido: morto dopo dieci giorni di agonia

  • Flacone di amuchina a prezzo quintuplicato: nei guai un commerciante

  • Coronavirus: primo caso positivo al test in Puglia

Torna su
BrindisiReport è in caricamento