Lavoro nero e sicurezza: sospese quattro attività, sei denunce

Il bilancio di un servizio di contrasto alle irregolarità nel settore edile effettuato dai carabinieri del Nil, in sinergia con l'Ispettorato territoriale del lavoro. Nove aziende su 21 irregolari

BRINDISI – Nove società operanti nel settore edile su ventuno sono risultate irregolari. Quattro di queste sono state interessate da provvedimenti di sospensione per aver impiegato dei lavoratori in nero. Sei persone sono state denunciate. Questo il bilancio di un servizio di contrasto al lavoro nero espletato nei giorni scorsi dai carabinieri del Nucleo ispettorato del lavoro di Brindisi, in sinergia con il personale dell’Ispettorato territoriale del lavoro di Brindisi. I militari, oltre a controllare la posizione dei lavoratori, hanno effettuato delle verifiche del rispetto della normativa in materia di tutela della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro. Complessivamente sono stati effettuati degli accertamenti sulla posizione di 47 lavoratori, di cui 10 risultati in nero. 

Le denunce

Le sei persone denunciate rivestono i ruoli di titolari – legali rappresentanti di attività imprenditoriali, coordinatori per la sicurezza nonché committenti dei lavori. Questi sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di violazioni del Testo unico sicurezza nei luoghi di lavoro (disposizioni per il contrasto del lavoro irregolare e per la tutela della salute e sicurezza dei lavoratori- sospensione attività imprenditoriale).

Le violazioni

In particolare, le violazioni accertate dall’Arma riguardano le disposizioni per il contrasto del lavoro irregolare e per la tutela della salute e sicurezza dei lavoratori. Inoltre sarebbero stati commessi dei reati concernenti la sorveglianza sanitaria, l’informazione e la formazione dei lavoratori, l’uso delle attrezzature di lavoro e la valutazione dei rischi, la verifica di idoneità tecnico–professionale delle imprese. E poi ancora le persone denunciate avrebbero commesso delle irregolarità nella movimentazione manuale dei carichi. 

Le sanzioni

Tutto questo ha portato a sanzioni amministrative per un totale di 40.100 euro, ad ammende per un totale di 47.400 euro e all’adozione di quattro provvedimenti di sospensione dell’attività imprenditoriale per impiego di manodopera in “nero”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Mi chiedo:come fanno queste persone a dormire tranquille in presenza di tali irregolarità in materia di sicurezza del lavoro? Che coraggio, ma in termini negativi. Si può mai arrivare a rischiare la salute dei lavoratori per un profitto maggiore?

  • Il lavoro nero è mal pagato, è molto diffuso ancora a Brindisi nello specifico purtroppo si gioca sempre sulle esigenze delle persone costrette alle briciole.. Pagate le multe adesso.

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Auto contro moto sulla panoramica: morto un imprenditore

  • Sport

    Happy Casa bella a metà: Cremona la spunta anche stavolta

  • Attualità

    “Briatore, vieni a Brindisi: qui ci sono giovani che lavorano”

  • Cronaca

    Poliziotti di Brindisi e Lecce trovano esplosivo in un trullo

I più letti della settimana

  • Assalto armato al supermercato Eurospin: caccia a due banditi

  • "Hanno fatto bene a Foggia che vi hanno sparato": denunciato per vilipendio

  • Auto contro moto sulla panoramica: morto un imprenditore

  • Aveva pistola, droga e banconote false: arrestato nel parcheggio Auchan

  • Auto travolge ciclista sul marciapiede: tre feriti

  • Trovato dai ricercatori universitari a Triggiano il vettore della Xylella

Torna su
BrindisiReport è in caricamento