Piantine di marijuana in un rudere: giovane torna ai domiciliari

Eseguita un'ordinanza di custodia cautelare a carico di un 19enne che lo scorso ottobre era stato sorpreso con la droga

OSTUNI – Nuovo arresto per un ostunese di 19 anni (A.T.O. le iniziali del suo nome) che lo scorso ottobre era stato sorpreso con 17 piantine di marijuana e altro stupefacente, per un peso complessivo di circa 800 grammi.

Il giovane, finito in manette insieme alla fidanzata, all’epoca dei fatti tornò il libertà, dopo la convalida dell’arresto. Il pubblico ministro impugnò tale provvedimento, chiedendo il ripristino della misura cautelare. Tale istanza è stata accolta. Per questo i poliziotti del commissariato della Città Bianca hanno nuovamente arrestato il 19enne in regime di domiciliari, eseguendo una ordinanza di custodia cautelare.

La droga venne scoperta dagli stessi agenti del commissariato all’interno di un rudere in stato di abbandono.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Ntunucciu
    Ntunucciu

    ma a che serve tutta questa commedia ?sono convinto che prima o poi si legalizzera la droga anche in Italia ,basta che si paghi il monopolio e sarà legale ,uno schifo bastava inasprire le pene e farle scontare ,le carceri piene ? c'è gente ancora nei continer !

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Auto contro moto sulla panoramica: morto un imprenditore

  • Sport

    Happy Casa bella a metà: Cremona la spunta anche stavolta

  • Attualità

    “Briatore, vieni a Brindisi: qui ci sono giovani che lavorano”

  • Cronaca

    Poliziotti di Brindisi e Lecce trovano esplosivo in un trullo

I più letti della settimana

  • Assalto armato al supermercato Eurospin: caccia a due banditi

  • "Hanno fatto bene a Foggia che vi hanno sparato": denunciato per vilipendio

  • Auto contro moto sulla panoramica: morto un imprenditore

  • Aveva pistola, droga e banconote false: arrestato nel parcheggio Auchan

  • Auto travolge ciclista sul marciapiede: tre feriti

  • Trovato dai ricercatori universitari a Triggiano il vettore della Xylella

Torna su
BrindisiReport è in caricamento