Piantine di marijuana in un rudere: giovane torna ai domiciliari

Eseguita un'ordinanza di custodia cautelare a carico di un 19enne che lo scorso ottobre era stato sorpreso con la droga

OSTUNI – Nuovo arresto per un ostunese di 19 anni (A.T.O. le iniziali del suo nome) che lo scorso ottobre era stato sorpreso con 17 piantine di marijuana e altro stupefacente, per un peso complessivo di circa 800 grammi.

Il giovane, finito in manette insieme alla fidanzata, all’epoca dei fatti tornò il libertà, dopo la convalida dell’arresto. Il pubblico ministro impugnò tale provvedimento, chiedendo il ripristino della misura cautelare. Tale istanza è stata accolta. Per questo i poliziotti del commissariato della Città Bianca hanno nuovamente arrestato il 19enne in regime di domiciliari, eseguendo una ordinanza di custodia cautelare.

La droga venne scoperta dagli stessi agenti del commissariato all’interno di un rudere in stato di abbandono.

Potrebbe interessarti

  • La banana, un fabbisogno giornaliero

  • Smettere di fumare: trucchi e consigli per dire addio al tabacco

  • Dopo Ferragosto, in forma con la dieta detox

  • Topi, sporcizia e inciviltà: il parco del Cillarese sprofonda nel degrado

I più letti della settimana

  • Scontro fra tre auto sulla strada per il mare: un morto e nove feriti

  • Parcheggiatore stroncato da infarto nella movida delle discoteche

  • Si apparta con la moglie di un detenuto: mamma e figli lo pestano

  • Tragedia in spiaggia: anziano perde la vita mentre fa il bagno

  • Furti nelle auto parcheggiate sulla costa: scoperti i responsabili

  • Posti in spiaggia "prenotati": la Capitaneria sequestra tutto

Torna su
BrindisiReport è in caricamento