Discarica a ridosso della Provincia

BRINDISI – Quasi quaranta metri cubi di materiale di risulta e vernici a due passi dalla sede della Provincia e della Prefettura. In queste ore gli agenti della polizia municipale di Brindisi stanno procedendo al sequestro di un'area di sei metri per quattro (alta circa un metro) adibita a discarica abusiva, in via Camassa a Brindisi.

Il sequestro del cumulo di materiale edile

BRINDISI – Quasi quaranta metri cubi di materiale di risulta e vernici a due passi dalla sede della Provincia e della Prefettura. In queste ore gli agenti della polizia municipale di Brindisi stanno procedendo al sequestro di un'area di sei metri per quattro (alta circa un metro) adibita a discarica abusiva, in via Camassa a Brindisi (video).

Il materiale accumulato rappresenta gli scarti dei lavori di “consolidamento, restauro e recupero del convento annesso alla chiesa di Chiesa di San Paolo, destinato a uffici della presidenza della Provincia di Brindisi”. Il deposito degli inerti è avvenuto, da quanto è stato accertato dai vigili urbani, in barba a tutte le leggi di tutela dell'ambiente. I rifiuti solidi sono stati mischiati a quelli liquidi, questa la prima e lampante infrazione commessa.

La ditta che sta eseguendo i lavori su incarico della Provincia di Brindisi è la “Ge.Di srl” di Altamura. Il responsabile   ha rimediato una denuncia per abbandono indiscriminato di rifiuti solidi urbani (art. 192 del dl 152/2006 del TU ambientale), e non si esclude che gli vengano attribuiti altri reati.

I vigili urbani di Brindisi, infatti, in queste ore stanno eseguendo tutti i controlli riguardanti il cantiere allestito alle spalle della sede della Provincia, in via Camassa, un tempo sede di istituti scolastici. Richiesto anche l'intervento dell'Arpa.

Quello che è stato accertato fino a questo momento è che vernici, scarti edili e materiale che dovrebbe essere smaltito secondo specifiche procedure, sono stati mischiati e accatastati all'aria aperta in un luogo frequentato a tutte le ore del giorno e della notte da gente di tutte le età.

Sono stati proprio alcuni cittadini a inoltrare la segnalazione, questa mattina, al comando della polizia municipale di Brindisi.

Sul posto si è recata una pattuglia in servizio che ha subito proceduto con l'identificazione dei responsabili e il sequestro della discarica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non si esclude che anche l'ente Provincia abbia le sue responsabilità in merito a questo reato nei confronti dell'ambiente e della cittadinanza: sarebbe bastato forse, affacciarsi a una delle finestre ubicate su via Camassa per notare la discarica e prendere gli adeguati provvedimenti. Sembrerebbe, infatti, che quella discarica si nata da qualche tempo. Gli accertamenti sono ancora in corso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aveva smarrito la bici e scritto un biglietto per ritrovarla: la polizia gliene regala una nuova

  • La spiaggia libera? E' mia, e me la gestisco io

  • Furti d'auto in trasferta: identificati e arrestati due brindisini

  • Dal cantiere alle campagne: arrestati i vertici dell'Anonima rifiuti

  • Era senza, gli prestano mascherina. Il capotreno lo fa scendere

  • Cellino San Marco. Una nuova tenda pneumatica per la Croce Rossa di Puglia

Torna su
BrindisiReport è in caricamento