San Pietro Vernotico ricorda don Vincenzo Marzo intitolandogli l'auditorium

La cerimonia eucaristica si svolgerà domenica (15 gennaio), a partire dalle ore 10,30, presso la parrocchia Santi Angeli Custodi, in presenza del cardinale Salvatore De Giorgi

SAN PIETRO VERNOTICO - Il cardinale Salvatore De Giorgi sarà l’ospite d’onore della cerimonia di intitolazione a don Vincenzo Marzo dell’auditorium dell’oratorio Santi Angeli Custodi di San Pietro Vernotico, di cui lo stesso don Vincenzo è stato il primo parroco, che si svolgerà domenica (15 gennaio). Il solenne pontificale del Cardinale De Giorgi è previsto per le ore 10,30. Subito vi sarà dopo la dedicazione dell’Auditorium. L’iniziativa dell’attuale parroco, Don Vincenzo Martella, è stata accolta con entusiasmo da tutta la Comunità parrocchiale, che ricorda con affetto e gratitudine il caro Don Vincenzo Marzo.

Di seguito, il ricordo della comunità parrocchiale di don Vincenzo Marzo.

Guida indefessa e saggia per oltre quarant’anni si colloca, fin dai primi tempi del suo ministero, ai massimi vertici decisionali nell’ambito della vita religiosa, pubblica e istituzionale. Ama, senza troppi preamboli, definirsi il “prete del sì” con chiara allusione alla sua accondiscendenza nei diversi contesti sociali; determinato, burbero, ostinato, crede fermamente in quel che fa e calamita l’attenzione di politici, alti prelati e uomini di un elevato spessore culturale che, in un certo qual modo, contribuiscono allo sviluppo della comunità dei Santi Angeli Custodi e di San Pietro Vernotico”.

Figura imponente e tutt’altro che anonima richiama con impeto chi si sottrae alle proprie responsabilità ed eleva alle massime esponenze chi opera con solerzia e zelo. È un vero pastore che guida un gregge con l’amore di un padre che ama tutti i suoi figli e, citando la Parabola evangelica, non disdegna la “pecora smarrita” che si allontana dall’ovile, ma con pazienza e lungimiranza riesce a “ritrovarla” e a riportarla a casa.

Con il trascorrere degli anni, si manifestano i primi acciacchi e il 10 settembre 1995, all’età di 74 anni, a malincuore, deve abbandonare i suoi amati parrocchiani e il caro popolo di San Pietro Vernotico.

Il “Prete del sì” esce di scena, nel tardo pomeriggio del 22 settembre 2001, in una stanza dell’Ospedale “Ninetto Melli” di San Pietro Vernotico dov’è ricoverato da diversi giorni, per l’aggravarsi delle sue condizioni di salute.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donna muore al Pronto soccorso: negativo il test del coronavirus

  • Virus, paziente in valutazione al Perrino. Treno bloccato a Lecce

  • Virus, declassato caso sospetto, ma resta l'isolamento. Un altro oggi

  • Coronavirus: primo caso positivo al test in Puglia

  • Flacone di amuchina a prezzo quintuplicato: nei guai un commerciante

  • Paziente Torricella, positivi due "contatti stretti". Screening sui passeggeri

Torna su
BrindisiReport è in caricamento