Ruba due orologi in un negozio: la videosorveglianza la incastra

I carabinieri di San Donaci arrestano una donna del posto, rintracciata dopo l'esame delle registrazioni delle telecamere interne. Brindisino in carcere per cumulo pene

San Donaci: donna ruba due orologi in un negozio, arrestata

I carabinieri della stazione di San Donaci sono intervenuti in un esercizio commerciale gestito da cittadini cinesi, che avevano segnalato un furto. Giunti sul luogo, i militari hanno preso visione delle registrazioni dell’impianto di videosorveglianza, ed hanno identificato come autrice del furto una donna, Katia Fina, la quale si era impossessata di due orologi Casio esposti nelle vetrine.

I due orologi finivano rapidamente in un a borsa di pelle che la donna aveva con sé. Una volta effettuata l’identificazione - la persona in questione ha già alle spalle vicenda di reati contro il patrimonio -  sono cominciate le ricerche. Giunti all’abitazione dei genitori, i carabinieri hanno appurato che Katia Fina non era in casa.

Il padre della donna la rintracciava telefonicamente e le chiedeva di tornare. Al cospetto dei carabinieri, Katia Fina ha detto di essersi liberata dei due orologi. Poi su insistenza dei carabinieri, li ha prelevati da una borsa nera in pelle, consegnandoli ai militari che hanno provveduto a restituirli al legittimo proprietario. Quindi l’arresto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Brindisi: 4 anni e 4 mesi da scontare, in carcere brindisino

I carabinieri della stazione di Brindisi Casale hanno tratto in arresto per cumulo pene Massimiliano Ferraro, di 39 anni. Ferraro deve scontare la pena detentiva di quattro anni, quattro mesi e sei giorni di reclusione, per tutta una serie di reati, tra cui dichiarazione infedele, percosse e spendita di monete falsificate, commessi tra gli anni 2006 e 2012 nelle province di Taranto e Brindisi. Ferraro è stato tradotto nella Casa Circondariale di Brindisi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brindisi, ospedale Perrino: turista lombardo positivo al Covid-19

  • Furgone si ribalta sull'autostrada: brindisino muore in Veneto

  • Spari contro il balcone di un'abitazione: feriti marito e moglie

  • Giovane malmenata in strada: carabiniere fuori servizio blocca fidanzato violento

  • Ostuni torna a popolarsi di vip, fra cantanti ed ex campioni del mondo

  • Mesagne, un tuffo nel blu: quando l’asfalto si fa tela

Torna su
BrindisiReport è in caricamento