Edipower: lavoratori dal prefetto dopo il coro di no al piano industriale di A2A

Dopo il no al nuovo piano industriale sulla centrale Edipower presentato da "A2A Ambiente" espresso da Provincia, Comune, Asi, e Arpa, i lavoratori diretti di Edipower e quelli dell'indotto si sono incontrati stamani con il prefetto Nicola Prete. Le organizzazioni sindacali FIlctem/Cgil, Flaei/Cisl e Uiltec hannqo fornito un resoconto dell'incontro che riportiamo di seguito

BRINDISI – Dopo il no al nuovo piano industriale sulla centrale Edipower presentato da “A2A Ambiente” espresso da Provincia, Comune, Asi, e Arpa, i lavoratori diretti di Edipower e quelli dell’indotto si sono incontrati stamani con il prefetto Nicola Prete. Le organizzazioni sindacali FIlctem/Cgil, Flaei/Cisl e Uiltec hannqo fornito un resoconto dell’incontro che riportiamo di seguito. 

“Si è messa in evidenza la crisi degli impianti termoelettrici italiani dopo la grande espansione delle energie rinnovabili, la contrazione della domanda e il conseguente impegno dei vari produttori, tra cui A2A Edipower, a misurarsi con il passaggio dalla produzione di energia convenzionale alla riconversione degli impianti con soluzioni ambientali ed energetiche innovative,così come da progetto di A2A Ambiente per Brindisi”. 

“Nel corso dell’incontro sono state riportate le fortissime preoccupazioni sul pesante disagio sociale ed economico, che vivono, ormai da oltre 2 anni,  i Esasperazione lavoratori Edipower-2250 lavoratori coinvolti nella vertenza Edipower a Brindisi e sui rischi di ordine pubblico che il sindacato potrebbe non essere più in grado di gestire.  C’è un problema legato ai tempi e alle decisioni che si ripercuote drammaticamente su queste famiglie, per i diretti il ‘contratto di solidarietà difensiva’ scade a novembre 2015 per molti dell’appalto gli ammortizzatori sociali sono già scaduti da tempo”.

“In riferimento alla conferenza decisoria, svolta ieri presso la Provincia di Brindisi - Servizio Ambiente ed Ecologia, dirigente Dott. Pasquale Epifani, si resta in attesa di leggere nel merito le posizioni espresse dalle parti ed è stato rivolto un invito, affinché, si tenga conto solo delle posizioni tecniche, per il giudizio definitivo sull’autorizzazioni per la realizzazione del nuovo impianto”. 

“Le organizzazioni sindacali, infine, hanno rivolto un appello a sua eccellenza il Prefetto per convocare un vertice, con il pieno coinvolgimento dei Sindaci che compongono l’Organo di Governo d’Ambito (Oga), delle parti sociali e di A2A Ambiente, per valutare  il contributo dell’impianto per arrivare alla chiusura del ciclo dei rifiuti in Provincia di Brindisi”.  

“Sul nostro territorio ormai siamo in una situazione di particolare criticità con un progressivo aumento dei costi per i cittadini per i mancati raggiungimenti degli obiettivi di raccolta differenziata, discariche chiuse per motivi ambientali, impianti esistenti non funzionanti e conferimenti in discariche di altri territori”.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“L’incontro si è concluso con l’impegno del Prefetto a monitorare i risultati della Conferenza di Servizio, per analizzare tutte le posizioni espresse dalle parti, verificare nel dettaglio il Piano industriale di A2A per Brindisi e riconvocare un tavolo di confronto, entro una settimana dalla Conferenza svolta in Provincia.  Le organizzazioni Sindacali hanno indetta un’assemblea in azienda per domani pomeriggio alle ore 15,00”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavori agricoli, arriva il sì dalla Regione: "attività indifferibili"

  • "Primo operatore 118 positivo, ora screening urgente per tutti"

  • Muore un imprenditore edile: prima vittima del Covid a Ostuni

  • Una brindisina in Olanda: "Viviamo col terrore del contagio. Il Lockdown è una fortuna"

  • Controlli anti contagio: multati un barbiere e il suo cliente a Brindisi

  • Coronavirus: 22 nuovi contagi e un decesso in provincia di Brindisi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento