Emergenza sanitaria in Niger: 60 tonnellate di aiuti partiti da Brindisi

Fra aprile e dicembre 2018 dalla base Unhrd è stato stabilito un ponte aereo con sette voli a cadenza quasi mensile

BRINDISI – Con il supporto della base di pronto intervento umanitario delle Nazioni Unite (Unhrd) di Brindisi, l’Italia ha stabilito un ponte aereo con il Niger con sette voli a cadenza quasi mensile tra aprile e dicembre 2018. La Cooperazione italiana allo sviluppo ha donato al servizio sanitario nigerino un totale di oltre 60 tonnellate di aiuti tra farmaci, strumentazione sanitaria, zanzariere, taniche e potabilizzatori d’acqua per un valore di 387 mila euro.

Gli ultimi aiuti hanno lasciato i magazzini di Unhrd Brindisi lo scorso 14 dicembre e sono stati consegnati dall’ambasciatore d’Italia, Marco Prencipe, in una cerimonia alla presenza del ministro dell’Interno del Niger, Mohamed Bazoum, e di altre autorità locali, in occasione della festa della Repubblica nigerina che si celebra il 18 dicembre.

I sette voli umanitari per Niamey, effettuati in collaborazione con il ministero della Difesa italiano, si inseriscono nel quadro del sostegno della cooperazione italiana alla popolazione del Niger colpita da una grave crisi sanitaria. Si stima che grazie ai farmaci donati dall’Italia, il servizio sanitario nigerino possa assistere circa 130.000 mila pazienti. Ad aggravare la situazione già precaria della mancanza o scarsa reperibilità di medicinali, nei mesi scorsi ci sono state le epidemie di meningite e di colera. Per il loro trattamento e per arginarne la diffusione, l’Italia ha quindi donato anche presidi medici specifici e attrezzature per la depurazione, raccolta e distribuzione di acqua potabile stoccati nei magazzini di Unhrd Brindisi.

La Cooperazione italiana allo sviluppo mantiene presso la base umanitaria brindisina, in condivisione con l’organizzazione mondiale della sanità, uno stock di farmaci e dispositivi medici inviati, nel corso di quest’anno, anche in Etiopia, Libia e Zimbabwe. Lo scorso ottobre, inoltre, a seguito dello tsunami in Indonesia, la Cooperazione italiana ha messo a disposizione della Croce Rossa Italiana due voli per trasportare le attrezzature per allestire un campo base.

Gestita dal World Food Programme (Wfp) e parte di una rete di sei Basi di pronto intervento umanitario delle Nazioni Unite, Unhrd Brindisi invia aiuti umanitari di primo soccorso ovunque nel mondo per conto della comunità umanitaria.

Il World Food Programme delle Nazioni Unite – salva le vite nelle emergenze e trasforma le vite di milioni di persone attraverso lo sviluppo sostenibile. Il Wfp lavora in oltre 80 paesi nel mondo, sfamando le persone colpite da conflitti e disastri naturali e gettando le basi per un futuro migliore. 

Potrebbe interessarti

  • Blatte e scarafaggi, come allontanarli

  • Anguria, antiossidante: proprietà, benefici e controindicazioni

  • Cicloturismo a Brindisi e provincia: le associazioni crescono

  • Lavastoviglie: consigli per averla sempre pulita e profumata

I più letti della settimana

  • Tragedia in campagna: donna rimane incastrata in una vecchia fornace, muore in ambulanza

  • Incidente mortale sul cavalcavia: condannato per omicidio stradale

  • Furgone imbottito di marijuana: 218 chili, un arresto

  • Bottiglie d'acqua minerale esposte al sole: sequestro in un supermercato

  • Tre quintali di droga abbandonati in un uliveto: carico da 1,5 milioni

  • Ruba un'auto e ne fa un clone di quella identica di un amico

Torna su
BrindisiReport è in caricamento