Chilometri di rifiuti al rione Paradiso e nessuno interviene

Strada della Torretta è disseminata da cumuli di rifiuti che in alcuni punti invadono la carreggiata, rendendola quasi intransitabile. Gli inquinatori da anni agiscono indisturbati

BRINDISI – Ci sono talmente tanti rifiuti da rendere la strada quasi inaccessibile alle auto. Strada della Torretta, nelle campagne fra il rione Paradiso e la litoranea a nord di Brindisi, è una discarica abusiva che si estende per centinaia di metri, lungo entrambi i lati della carreggiata. Gli inquinatori hanno scelto una zona poco frequentata per riversare quotidianamente ammassi di materiale edile di risulta, materassi putridi, mobili e scarti di ogni genere.

Solo le persone che risiedono nelle villette del posto, infatti, percorrono questa strada malandata che collega via della Torretta a contrada Mitrano. Vi si accede svoltando a sinistra poche decine di metri dopo le ultime palazzine del rione Paradiso. All’inizio della direttrice è stato apposto un cartello recante la scritta “Area videosorvegliata”. Di telecamere, però, non se ne vedono. E ammesso che siano nascoste, non si ha comunque notizia di sanzioni a carico degli incivili che ogni giorno contribuiscono a rimpolpare la distesa di rifiuti che si perde a vista d’occhio.

In alcuni tratti la natura sta facendo il suo corso, ricoprendo la spazzatura. Lo si intuisce là dove si vedono delle dune sormontate da canneti, a ridosso della sede stradale. Ma la maggior parte dei cumuli è alla luce del sole.  In una cunetta ricoperta dalle erbacce si scorge un “salottino” con poltrone e divani in pelle. Più avanti, all’ombra di un alberello scheletrico, sono state abbandonate decine di tegole. Dalle erbacce affiorano anche lavatrici, televisori, passeggini, vecchi giocattoli, tricicli, fusti di plastica, pannelli di legno e d’alluminio, parti di auto e altro ancora.

Dall’inizio alla fine di strada Lobia, non c’è un solo metro quadro di terreno libero dai rifiuti. Nei punti più critici, la carreggiata si restringe al punto tale da ostacolare il transito degli automezzi. L’amministrazione comunale e la ditta Ecologica Pugliese sono al corrente di questo scempio (che si trascina da anni), come documentato da diverse relazioni del comando della polizia municipale. Ma per quanto tempo ancora si consentirà ai barbari di agire indisturbati? Verrà prima o poi attuato un imponente intervento di bonifica dell’area, oppure il destino di Strada della Torretta è ormai segnato?   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brindisi-Taranto: attivato controllo giornaliero con Autovelox

  • Doppio inseguimento e lancio di chiodi dopo assalto a bancomat

  • Muore schiacciato da un trattore: tragedia nelle campagne

  • Quanto costa una casa a Brindisi quartiere per quartiere

  • Operaio investito: un collega insegue auto pirata e la blocca

  • Bollo auto e Documento unico di circolazione, le novità 2020

Torna su
BrindisiReport è in caricamento