Eroina nel vano della tapparella

LATIANO - Molti spacciatori nascondono non solo la scorta di droga, ma anche le dosi già pronte in un luogo diverso dalla propria abitazione. Una precauzione che aveva mancato di adottare, invece. Antonio Viva, un 21enne di Latiano arrestato dai carabinieri della stazione al termine di una perquisizione domiciliare al termine della quale i militari hanno rinvenuto 16 grammi di eroina.

La droga sequestrata

LATIANO - Molti spacciatori nascondono non solo la scorta di droga, ma anche le dosi già pronte in un luogo diverso dalla propria abitazione. Una precauzione che aveva mancato di adottare, invece. Antonio Viva, un 21enne di Latiano arrestato dai carabinieri della stazione al termine di una perquisizione domiciliare al termine della quale i militari hanno rinvenuto 16 grammi di eroina.

La sostanza stupefacente era stata nascosta da Viva nella cassetta dell'avvolgitore di una tapparella, più precisamente di quella della finestra del bagno. L'eroina era già divisa in otto dosi pronte alla vendita. I carabinieri hanno sequestrato a Viva anche 150 euro ritenuti denaro guadagnato con l'attività di spaccio. Il giovane è stato rinchiuso nel carcere di via Appia a Brindisi.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tentato omicidio per debiti di droga: arrestati sia l'autore che la vittima

  • Cronaca

    Pistola e munizioni fra la biancheria: carrozziere patteggia a un anno e quattro mesi

  • Economia

    Porticciolo, sospesa l’efficacia della revoca della concessione

I più letti della settimana

  • Incidente stradale nella notte: automobilista trovato morto all'alba

  • Traffico di cocaina, 18 arresti: forniture organizzate a Brindisi

  • Da 20 anni al carcere duro, prossimo alla laurea in Giurisprudenza

  • Controlli dei carabinieri: due arresti. Rinvenute anche due auto

  • Crollo solaio in una scuola: dimesso l'operaio, cantiere sotto sequestro

  • Minacciato e rapinato dell'auto: caccia ai banditi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento