Esce da casa senza autorizzazione: dai domiciliari al carcere

Emesso un provvedimento restrittivo a carico di un brindisino di 63 anni, a seguito di accertamenti effettuati dai carabinieri

BRINDISI - I carabinieri della stazione di Brindisi Casale hanno eseguito un’ordinanza di sospensione della detenzione domiciliare e ripristino della detenzione in carcere, emessa dal magistrato di sorveglianza di Lecce, nei confronti di Oronzo Larucci , 63enne del posto. 

L’uomo era sottoposto alla detenzione domiciliare dal mese di marzo 2019, per il reato di ricettazione commesso in Brindisi nel 2014. Il provvedimento è scaturito in seguito alla segnalazione dei militari riguardo al reato di evasione commesso dal 63enne lo scorso 13 agosto, quando, durante un controllo, non venne trovato in casa, poiché allontanatosi senza autorizzazione. Dopo le formalità di rito, Larucci è stato tradotto presso la casa circondariale di Brindisi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Primo operatore 118 positivo, ora screening urgente per tutti"

  • Muore un imprenditore edile: prima vittima del Covid a Ostuni

  • Una brindisina in Olanda: "Viviamo col terrore del contagio. Il Lockdown è una fortuna"

  • Coronavirus: 22 nuovi contagi e un decesso in provincia di Brindisi

  • Controlli anti contagio: multati un barbiere e il suo cliente a Brindisi

  • Coronavirus: trend in calo in Puglia, nel Brindisino altri 12 contagi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento