Evade in bici durante un attacco di panico: il giudice lo scarcera

Rigettata la richiesta di custodia in carcere a carico del brindisino Pasquale Luperti, arrestato per evasione al Sant'Elia

BRINDISI – Si è trattato di un attacco di panico. Per questo il gip del tribunale di Brindisi, Tea Verderosa, ha rigettato la richiesta di custodia in carcere a carico del brindisino Pasquale Luperti, 37 anni, che sabato scorso (18 marzo) era stato arrestato in flagranza di reato per evasione. L’uomo, difeso dall’avvocato Luca Leoci, si è presentato stamani (20 marzo) davanti al giudice, nell’ambito dell’interrogatorio di convalida dell’arresto.

Luperti ha riferito che all’improvviso, travolto da un forte stato di malessere, ha sentito la necessità di uscire da casa e di mettersi in sella a una bici (fra l’altro rotta). Luperti era in stato confusionale quando una pattuglia di carabinieri della compagnia di Brindisi lo ha fermato nei pressi della sua abitazione, al rione Sant’Elia, arrestandolo per il reato di evasione.

Il gip, dopo aver ascoltato il 37enne, ha convalidato l’arresto ma allo stesso tempo ha revocato la misura restrittiva. Resta effettiva, però, la misura degli arresti domiciliari emessa a suo carico lo scorso ottobre, quando Luperti venne sorpreso con due chili di marijuana, una parte della quale nascosta in scatole di cartone, a seguito di una perquisizione domiciliare. Per questo il Brindisino si trova tuttora recluso presso il suo appartamento. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Incidenti stradali: raffica di condanne per “ponci” a Brindisi

    • Cronaca

      Licenziamenti dopo cambio di appalto: secondo giorno di protesta a Cerano

    • Cronaca

      Muore dopo dimissioni dal Pronto soccorso: i parenti chiedono chiarezza

    • Cronaca

      Parte laboratorio emotivo-corporeo nella casa circondariale di Brindisi

    I più letti della settimana

    • Giovane padre di famiglia muore all'improvviso: autorizzato l'espianto degli organi

    • Conflitto a fuoco fra benzinaio e malvivente: esplosi almeno sei colpi

    • Donna muore in ospedale dopo intervento chirurgico: presentata denuncia

    • Omicidi e armi, libero il pentito Bullone: chiede la riduzione della pena

    • Prosciugato il conto di due anziani di Cellino: arrestati nipote e direttore della Posta

    • Muore dopo dimissioni dal Pronto soccorso: i parenti chiedono chiarezza

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento