Intercettata la banda dei bancomat: un poliziotto investito, spari, due fermati

Una Volvo con quattro individui a bordo non si è fermata all'alt sulla superstrada per Bari, all'altezza di Rosa Marina, investendo un agente del commissariato di Ostuni. I poliziotti hanno esploso dei colpi a scopo intimidatorio. Due banditi sono in fuga

OSTUNI – Non si sono fermati all’alt e hanno investito un poliziotto, i cui colleghi hanno dovuto sparare dei colpi a scopo intimidatorio. Una banda presumibilmente dedita agli assalti ai bancomat e alle colonnine dei distributori di benzina con la tecnica dell’esplosione è stata intercettata intorno alle ore 20 di martedì (7 febbraio) da una pattuglia del commissariato di Ostuni, all’altezza dell’area di servizio Total Erg situata sulla strada statale 379 Brindisi-Bari, lato monte, nei pressi dello svincolo per Rosa Marina.

Si tratta di quattro individui che viaggiavano a bordo di una Volvo V40. I delinquenti hanno tentato di forzare il posto di controllo, urtando, come detto, un poliziotto. Gli altri agenti però sono riusciti a fermare la Volvo, bloccando due dei quattro occupanti. Gli altri due si sono dileguati a piedi verso il villaggio turistico di Rosa Marina. In ausilio dei poliziotti sono subito intervenute altre pattuglie del commissariato, oltre alle guardie giurate di un istituto di vigilanza.

Il poliziotto investito è stato trasportato in ospedale. L’uomo fortunatamente era vigile e cosciente. Le sue condizioni pare non siano gravi. I due fermati risiedono nella provincia di Bari. Una volta espletate le formalità di rito, entrambi verranno condotti presso la casa circondariale di Brindisi. I poliziotti della Squadra mobile della questura di Bari stanno collaborando con i colleghi ostunesi nella ricerca dei due fuggitivi. Gli esperti della Scientifica della polizia di Stato hanno effettuato i rilievi del caso.

All’interno della Volvo è stata recuperata una bombola di gas. Il sospetto è che i banditi se ne volessero servire per far esplodere un bancomat. La scorsa settimana, del resto, una guardia giurata dell’istituto di vigilanza Siska aveva sventato un assalto al bancomat del Banco di Napoli di San Michele Salentino, mettendo in fuga i malviventi  dopo che questi avevano già piazzato una carica esplosiva nella fessura dell’erogatore di banconote. E’ forte quindi il timore di una ripresa del fenomeno degli assalti ai bancomat. 

Si tratta di una piaga che affligge tutta la Puglia, come dimostrato anche dal blitz scattato stamani a Bari, con l’arresto di tredici persone accusate di far parte di una banda coinvolta in numerosi  assalti agli sportelli bancomat tra le province di Barletta Andria Trani, Bari e Matera, e furti ai danni di stabilimenti, industriali e commerciali, dislocati in tutta la regione. L’operazione è stata dal Commissariato di Andria, dalla Squadra Mobile di Bari, dal Reparto Prevenzione Crimine Puglia e dal Reparto Volo di Bari (per i dettagli, il link dell'articolo di www.baritoday.it).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bomba, centro commerciale Le Colonne: il 15 dicembre apertura anticipata

  • Bomba: le direttive sull'evacuazione e l'elenco aggiornato delle vie

  • Bombe, Torino: evacuati in 10mila. Il 15 dicembre toccherà ai brindisini

  • Bomba, per l'evacuazione 300 brandine nelle scuole. Previsti colazione e pranzo

  • Estate in Sicilia dall'Aeroporto del Salento con voli settimanali

  • Minaccia collega per un pagamento: denunciato imprenditore

Torna su
BrindisiReport è in caricamento