Figli lasciati nell'auto surriscaldata

LECCE – Forse è proprio il primo sole caldo a stordire. Ieri pomeriggio mamma e papà leccesi, incuranti dei 30 gradi di temperatura, hanno lasciato i figlioletti di 6 e un anno chiusi in auto in piazza Mazzini a Lecce. E loro? Sono andati tranquillamente a giocare nella vicina sala Bingo, che si trova al centro della città. Ad avvertire i carabinieri, alcuni passanti che si sono accorti dei piccolini nell'automobile. I militari hanno aperto l'auto e preso i bambini, la piccola di 6 anni sotto shock, faceva fatica a respirare. Entrambi sono stati trasferiti presso l'ospedale di Lecce per accertamenti. I due genitori, incoscienti, sono stati denunciati all'autorità giudiziaria per abbandono di minori in concorso aggravato dall'esercizio della patria podestà.

Una pattuglia di carabinieri a Lecce

LECCE – Forse è proprio il primo sole caldo a stordire. Ieri pomeriggio mamma e papà leccesi, incuranti dei 30 gradi di temperatura, hanno lasciato i figlioletti di 6 e un anno chiusi in auto in piazza Mazzini a Lecce. E loro? Sono andati tranquillamente a giocare nella vicina sala Bingo, che si trova al centro della città. Ad avvertire i carabinieri, alcuni passanti che si sono accorti dei piccolini nell'automobile. I militari hanno aperto l'auto e preso i bambini, la piccola di 6 anni sotto shock, faceva fatica a respirare. Entrambi sono stati trasferiti presso l'ospedale di Lecce per accertamenti. I due genitori, incoscienti, sono stati denunciati all'autorità giudiziaria per abbandono di minori in concorso aggravato dall'esercizio della patria podestà.

Quando i passanti hanno capito la situazione, hanno subito fermato una pattuglia di carabinieri che passava dal centro di Lecce per caso. I militari hanno avvertito la centrale per capire a chi fosse intestata l'auto e hanno prontamente aperto il mezzo per far uscire i piccolini stremati dai 30 gradi esterni (immaginiamo all'interno dell'automobile). La bambina di 6 anni piangeva e faceva fatica a respirare, ed è stata accompagnata dalle persone che avevano dato l'allarme in un'attività commerciale vicina per darle dell'acqua e farla calmare, e la stessa cosa è stata fatta per il più piccolino, di appena 12 mesi.

Intanto, i controlli per risalire ai due genitori incoscienti erano scattati in pieno svolgimento, e i due sono stati rintracciati nella vicina sala Bingo: moglie e marito di rispettivamente di 40 e 42 anni erano tranquilli a giocare, mentre i loro bambini hanno rischiato grosso. Ovviamente sono stati denunciati entrambi per abbandono di minori in concorso, aggravato dall'esercizio della patria podestà. I due bambini sono stati invece trasferiti all'ospedale Vito Fazzi di Lecce per accertamenti sulle loro condizioni e sono ricoverati nel reparto di pediatria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il magistrato di turno presso il Tribunale di Lecce, avvisato dell'accaduto ed incredulo per i fatti, ha subito avviato accertamenti di carattere sociale per capire se le condizioni di vita dei bambini all'interno del nucleo familiare possano qualificarsi come disagiate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assalto al blindato Cosmopol, gli arresti della banda

  • Si accascia in spiaggia e muore, tragica domenica per un anziano francavillese

  • Alle rapine con la mamma: colpi ai distributori, quattro arresti

  • Spesa vip per lo scrittore e conduttore Fabio Volo, in relax nei trulli

  • Moto fuori controllo sulla provinciale: un giovane perde la vita

  • I 100 anni di Giovanni Saracino: ha combattuto la seconda guerra mondiale

Torna su
BrindisiReport è in caricamento