Maltrattamenti, estorsione e lesioni personali: arrestato figlio violento

Un 43enne di Fancavilla Fontana è stato raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per aver reso la vita impossibile agli anziani genitori

FRANCAVILLA FONTANA – Maltrattamenti nei confronti dei genitori, estorsione e lesioni personali. Un 43enne di Fancavilla Fontana è stato raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per aver reso la vita impossibile agli anziani genitori (entrambi ultra 75enni) per quasi un anno. Li ha minacciati e picchiati quasi quotidianamente.

I fatti di cui è ritenuto responsabile si sono verificati da settembre 2018 a giugno 2019. Le indagini sono state condotte dai carabinieri del Nucleo operativo radiomobile della compagnia di Francavilla Fontana.

“Le condotte estorsive attuate dal figlio si sono concretizzate con minacce consistite nell’inveire contro i congiunti utilizzando espressioni forti e minacce di morte, in sostanza  ripeteva di far fare loro una brutta fine”. Scrivono i carabinieri in una nota in cui raccontano la terribile situazione che si sono ritrovata a vivere le vittime prima di decidere di sporgere denuncia.

“Alle minacce si è aggiunta la violenza, consistita nel percuoterli con schiaffi e pugni costringendo gli anziani genitori a consegnargli con cadenza quasi giornaliera, cospicue somme di denaro, da destinare al gioco e all’acquisto di tabacchi, procurando a se un ingiusto profitto, con danno alle persone offese”.

“L’indagato ha così sottoposto i genitori a reiterati atti di violenza fisica morale e psicologica e ad un regime di vita penoso ed intollerabile, instaurando all’interno delle mura domestiche un regime di terrore, tale da indurre gli anziani genitori ad astenersi dal denunciarlo, per  timore di ritorsioni e da ultimo ad allontanarsi di casa per paura di essere nuovamente aggrediti”.

“A volte di fronte al rifiuto opposto dai genitori  alle sue continue richieste di denaro, li ha minacciati colpendoli frequentemente con schiaffi e pugni. A qualsiasi ora della giornata ha preteso che i genitori cucinassero per lui, gli allacciassero le scarpe, lo accompagnassero dove desiderava, accontentassero ogni suo estemporaneo bisogno”.

“In una circostanza un anno addietro dopo aver chiesto insistentemente ai genitori di essere accompagnato in un posto, si è scagliato  contro il padre colpendolo con un pugno sotto il mento, cagionandogli un ematoma che la vittima ha omesso di farsi refertare. Anche nei riguardi della madre recentemente dopo averle formulato l’ennesima richiesta di denaro, le si è scagliato contro colpendola con uno schiaffo e procurandole un trauma cranio facciale”.

“Ai primi di questo mese di agosto dopo aver preteso la somma di 100 euro, ha minacciato di morte entrambi i genitori scagliando contro di loro delle pesanti sedie in ferro che le vittime sono riuscite fortunosamente ad evitare. L’uomo che ha a carico diverse vicende di natura penale con periodi di restrizione penitenziaria, per gravi reati contro la persona e il patrimonio, dal temperamento violento ed iroso nei confronti dei congiunti vittime indifese delle continue condotte aggressive e minacciose, è stato tratto in arresto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore alla guida: autista accosta e poi si accascia, in salvo gli studenti

  • Incidenti: le vittime e le strade più pericolose del Brindisino

  • Incendio in un condominio, in salvo persone bloccate

  • Lite fra vicini sfocia nel sangue: uomo preso a sprangate in testa

  • Sorpreso in piazza con 21 grammi di cocaina: arrestato brindisino

  • Commedia per il cinema girata fra Cisternino e Ceglie Messapica

Torna su
BrindisiReport è in caricamento