Furto di monete nella lavanderia: ladro incastrato dagli slip, arrestato

L’azione delittuosa è stata ripresa dalle telecamere dell’attività. Aveva preso 60 euro in monete dal distributore di bevande

CELLINO SAN MARCO – Incastrato dagli slip, l’uomo che nella serata di ieri, lunedì 21 gennaio, ha perpetrato un furto nella lavanderia di via Dei Briganti a Cellino San Marco ed è stato arrestato poche ore dopo dai carabinieri. Si tratta di Pierluigi Giannetta, 31enne del posto, già noto alle forze dell’ordine, è accusato di furto aggravato. 

L’uomo si è introdotto nella lavanderia self-service dopo aver scardinato la porta di ingresso: ha preso di mira il distributore automatico di Giannetta Pierluigi classe 1987-2bevande posto all’interno riuscendo a sottrarre 60 euro in monete. Successivamente si è dato alla fuga per le vie circostanti. L’azione delittuosa è stata ripresa dalle telecamere dell’attività dalle quali sono state estrapolate le immagini che hanno permesso l’identificazione di Giannetta. 

All’uomo nella frenesia dell’azione, gli si sono inavvertitamente abbassati i pantaloni di tuta facendo vedere chiaramente alcuni particolari degli slip indossati che hanno permesso ai carabinieri di ritenerlo responsabile del furto. Dopo l’arresto è stato posto ai domiciliari.

Potrebbe interessarti

  • Stp: rinnovate tutte le corse per le marine della provincia

  • Farmaci generici e farmaci di marca: sono uguali?

  • Come organizzare una cena a buffet a casa

  • Anguria, antiossidante: proprietà, benefici e controindicazioni

I più letti della settimana

  • Ritrovato il giovane mesagnese scomparso a Milano ad aprile scorso

  • Vessata per 18 anni dal marito e dalla suocera: l'incubo di una donna

  • Tir si ribalta, poi tamponamento a catena: doppio incidente sulla statale

  • Frattura il naso e lo zigomo alla fidanzata, soccorsa da automobilista

  • Tamponamento sulla superstrada: tre feriti, anche una bambina. Auto distrutte

  • Arriva l'ondata di caldo: ci salverà in parte il maestrale

Torna su
BrindisiReport è in caricamento