homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

I Barretta: "Un errore del Fisco"

BRINDISI - Le indagini condotte dal Nucleo di Polizia tributaria di Brindisi, sfociate nel sequestro per equivalente di circa 900mila, riguardavano l'impresa Fratelli Barretta Srl. Che ci scrive attraverso il suo legale di fiducia avvocato Giampiero Iaia, chiedendo di poter integrare la notizia con una nota della società. Noi aderiamo alla richiesta, come impone il dovere di cronaca.

Un particolare del Seno di Ponente del porto di Brindisi

BRINDISI - Le indagini condotte dal Nucleo di Polizia tributaria di Brindisi, sfociate nel sequestro per equivalente di circa 900mila, riguardavano l'impresa Fratelli Barretta Srl. Che ci scrive attraverso il suo legale di fiducia avvocato Giampiero Iaia, chiedendo di poter integrare la notizia con una nota della società. Noi aderiamo alla richiesta, come impone il dovere di cronaca.

"Egr. Direttore, l'impresa portuale attinta dal sequestro preventivo eseguito dalla GdF di Brindisi è la Fratelli Barretta Srl, che mi ha incaricato di chiederLe cortesemente di integrare il suo articolo (Bloccati 900 mila euro a società portuale) con le seguenti sue precisazioni:

1. L'impresa F.lli Barretta Srl ha pagato correttamente e nei termini di legge tutte le ritenute fiscali operate nei confronti dei propri dipendenti nel 2008, e così ha fatto ogni anno dalla sua fondazione a tutt'oggi;

2. L'errata trasmissione dei dati telematici all'Agenzia delle Entrate attraverso i consueti modelli elettronici, o la sua errata lettura, ha provocato l'apertura di un procedimento di accertamento fiscale per il periodo 2008;

3. L'Impresa ha già inoltrato istanza in autotutela all'Agenzia delle Entrate, a cui ha esibito tutta la inoppugnabile documentazione bancaria attestante i regolari versamenti, per il discarico delle somme illegittimamente iscritte a ruolo;

4. Ragion per cui, la mia assistita, carte alla mano, si accinge a chiedere la revoca del sequestro preventivo. La ringrazio e la saluto cordialmente".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      “Curriculum e certificato penale di assessori e staff ufficioso della sindaca”

    • Cronaca

      Musica e schiamazzi nel centro di Brindisi, condannato titolare di un locale

    • Cronaca

      Spiagge e strade sporche, “multata” Ecologica

    • Cronaca

      Tra "i luoghi del cuore" del Fai, il tempietto di San Miserino nei primi posti in classifica

    I più letti della settimana

    • Scontro sulla circonvallazione, coinvolta una famiglia: gravi mamma e figlio

    • Nuota per recuperare un pallone e viene colto da malore

    • Rapina Ipercoop, uno degli indagati liberato e arrestato di nuovo

    • Omicidio Tedesco, condanna all’ergastolo per i tre imputati

    • “Mamma, comando io: voglio i soldi da tuo nipote, altrimenti lo denuncio”

    • Sbarre alzate e luce spenta durante il passaggio del treno: tragedia sfiorata

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento