In auto con 20 panetti di hascisc: arrestato ex sottufficiale della Marina

Trovato in auto con 2 chili di hascisc suddiviso in 20 panetti: arrestato a Trani (Ba) un oritano di 37 anni, Vito Carbone, ex sottocapo della Marina Militare

ORIA – Trovato in auto con 2 chili di hascisc suddiviso in 20 panetti: arrestato a Trani (Ba) un oritano di 37 anni, Vito Carbone, ex sottocapo della Marina Militare.

L’uomo, già arrestato a dicembre del 2016 perché trovato con 54 kg di marijuana, nella serata di martedì 8 gennaio, è incappato in un controllo antirapina e di prevenzione messo in atto sulle principali arterie stradali dalla compagnia carabinieri di Trani. Il 37enne viaggiava sulla strada statale 16 bis in direzione sud a velocità sostenuta, i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile non hanno esitato a procedere al controllo. L’automobilista ha insospettito i militari “sia per l’iniziale incertezza nel fermarsi, sia per l’atteggiamento evasivo con il quale si poneva ai militari, esternando un atteggiamento eccessivamente nervoso”. Si legge nella nota dei carabinieri.

Inevitabile, quindi, la perquisizione personale nel corso della quale è stata rinvenuta una bottiglietta in plastica contenente 20 ml di metadone. Il controllo è stato esteso al veicolo: ai carabinieri non è sfuggita un’intercapedine nel parafango posteriore sinistro che quindi è stato smontato. All’interno c’erano due pacchi avvolti con nastro adesivo contenenti venti  panetti di hashish per un peso complessivo di 2 chili.

Carbone è stato così  dichiarato in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e, su disposizione della Procura della Repubblica di Trani, è stato trinchiuso nella Casa Circondariale. Nel pomeriggio di oggi si svolgerà l’interrogatorio di convalida.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Emerge una significativa imprecisione nell'articolo, in quanto un sottocapo non è un sott.le bensì un graduato del ruolo truppa, ossia quella compagine alimentata dai volontari in ferma prefissata, i quali hanno un percorso di reclutamento e formativo nettamente diverso dai primi oltre che per impiego Ovviamente resta di tutta evidenza la gravità dei fatti, ma è doveroso fornire notizie puntuali tanto più che l'organo di polizia giudiziaria operante nella circostanza, essendo anch'esso militare, ha la medesima organizzazione, per cui è sicuramente a conoscenza del rilevante distinguo.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    “Ero io quello armato nella gioielleria: pistola vera, ho esploso due colpi in alto”

  • Cronaca

    Spaccio, vandalismo e schiamazzi: parco Cesare Braico chiuso di notte

  • Cronaca

    Trovate tele rubate a pittrice palestinese: una denuncia per ricettazione

  • Cronaca

    Mezzo chilo di marijuana sul gommone: due condanne

I più letti della settimana

  • Rapina con spari nella gioielleria del centro commerciale. Presi i banditi

  • Assalto nella gioielleria Stroili: ecco chi sono gli arrestati

  • Colpi di pistola in Largo Concordia: un ferito tra i giovani del sabato notte

  • Settimana corta alla scuola media: "Docenti ignorati". E' scontro

  • Auto si schianta contro palo e travolge veicoli in sosta: grave un giovane

  • Assalto all'alba a un Tir che trasportava tabacchi: ferito il conducente

Torna su
BrindisiReport è in caricamento