In auto con 60 chili di droga, sperona i finanzieri: arrestato dopo la fuga

Un 40enne di Ostuni forza posto di blocco della finanza all'altezza di Villanova e fugge a piedi dopo aver speronato la pattuglia. Successivamente si consegna ai militari

OSTUNI – Ha speronato una pattuglia della guardia di finanza e si è dileguato a piedi nelle campagne, ma all’interno dell’auto aveva lasciato la patente. Un 40enne di Ostuni, Crescenzio Pistoia, viaggiava sulla complanare della strada statale 379, direzione Bari, con 60 chilogrammi di marijuana. 

L'alt e la fuga

I fatti si sono verificati la sera di martedì (21 agosto). All’altezza di Villanova, marina di Ostuni, l’uomo è stato intercettato dai finanzieri del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Brindisi, che gli hanno imposto l’alt. Anziché fermarsi, l'uomo ha forzato il posto di blocco e dopo un breve inseguimento ha speronato le fiamme gialle in retromarcia con il suo Suv Hyundai, danneggiando il mezzo di servizio. Poi ha abbandonato la macchina e si è diretto verso le campagne. Mentre scavalcava l'alta recinzione del villaggio di Rosa Marina, ha colpito un calcio un militare che da dietro tentava di afferrarlo. Poi ha fatto perdere le sue tracce, nell’oscurità.

Nel bagagliaio del Suv i finanziari hanno rinvenuto la sostanza stupefacente. Nella concitazione della fuga, l’uomo aveva lasciato nel veicolo la patente con la sua fototessera.  Il tutto è stato posto sotto sequestro. 

L'arresto

Sulla base dei riscontri oggettivi, la Procura di Brindisi ha emesso un provvedimento di fermo di indiziato di delitto che le Fiamme gialle del Nucleo di polizia economico-finanziaria hanno notificato al 40enne, il quale giovedì sera (23 agosto), accompagnato dal suo legale, si è spontaneamente presentato presso la caserma del comando provinciale della guardia di finanza, fornendo la sua versione dei fatti. Successivamente, Pistoia è stato condotto presso la casa circondariale di Brindisi a disposizione della magistratura inquirente. 
Il militare colpito con il calcio è dovuto ricorrere alle cure dei sanitari, che gli hanno riscontrato delle escoriazioni con prognosi di 10 giorni.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Bimba nata morta all’ospedale Perrino”: denuncia dei genitori

  • Una domenica con la bomba: quasi tutta Brindisi evacuata

  • Malore alla guida: autista accosta e poi si accascia, in salvo gli studenti

  • Maltempo: scuole chiuse a Brindisi a in altri Comuni della provincia

  • Incidenti: le vittime e le strade più pericolose del Brindisino

  • Forti raffiche di vento: alberi sradicati, interventi in provincia

Torna su
BrindisiReport è in caricamento