Incendio doloso al club Dea

SAN VITO DEI NORMANNI - Incendio di natura dolosa ai danni del circolo privato "Dea", che ha sede all'interno della masseria "Poggioreale", situata sulla strada per Specchiolla, a San Vito dei Normanni.

L'ingresso di Masseria Poggioreale

SAN VITO DEI NORMANNI - Incendio di natura dolosa ai danni del circolo privato "Dea", che ha sede all'interno della masseria "Poggioreale", situata sulla strada per Specchiolla, a San Vito dei Normanni. All'alba ignoti si sono introdotti nel club appiccando il fuoco su un divano.

La carenza di ossigeno ha evitato che l'intero locale andasse distrutto. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del comando provinciale di Brindisi e una pattuglia del 112 della compagnia di San Vito. Non sono state trovate tracce di liquido infiammabile né segni di effrazione ai cancelli di ingresso.
Il rischio però è stato grosso: il club privé confina con le stanze dell'agriturismo dove questa notte alloggiavano numerosi turisti. Se il fumo non fosse stato notato in tempo, i danni sarebbero stati ben più gravi. E forse ci sarebbero anche stati feriti o intossicati.
I pompieri hanno accertato che le fiamme erano di natura dolosa. L'amministratrice della struttura, Vincenza Lorusso di Bari, ha presentato regolare denuncia contro ignoti.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Deceduta dopo dimissioni dal Pronto soccorso: indagati tre medici

    • Cronaca

      Doppia rapina con omicidio: arrestato anche il presunto autista della banda

    • Concerti

      La lirica al Nuovo Teatro Verdi con "La Traviata" e "Madama Butterfly"

    • sanita

      Bilancio e progetti della sanità pugliese: la conferenza stampa

    I più letti della settimana

    • Giovane padre di famiglia muore all'improvviso: autorizzato l'espianto degli organi

    • Donna muore in ospedale dopo intervento chirurgico: presentata denuncia

    • Conflitto a fuoco fra benzinaio e malvivente: esplosi almeno sei colpi

    • Muore dopo dimissioni dal Pronto soccorso: i parenti chiedono chiarezza

    • Omicidi e armi, libero il pentito Bullone: chiede la riduzione della pena

    • Prosciugato il conto di due anziani di Cellino: arrestati nipote e direttore della Posta

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento