Incidente, aggrediti carabiniere e moglie

FRANCAVILLA FONTANA – Brutta nottata per un carabiniere di Francavilla in servizio a Taranto e per sua moglie: in seguito a un sinistro stradale la coppia è stata aggredita e picchiata dagli altri due automobilisti coinvolti nell'incidente riportando ferite e contusioni guaribili in quindici giorni. Fortunatamente, grazie al tempestivo intervento di colleghi della compagnia di Francavilla Fontana, i loro aggressori sono stati immediatamente arrestati. Si tratta del 23enne Giovanni Nardelli e del 32enne Giuseppe Cardone, entrambi di Francavilla ed entrambi con precedenti.

Sul posto gli operatori del Servizio 118

FRANCAVILLA FONTANA – Brutta nottata per un carabiniere di Francavilla in servizio a Taranto e per sua moglie: in seguito a un sinistro stradale la coppia è stata aggredita e picchiata dagli altri due automobilisti coinvolti nell'incidente riportando ferite e contusioni guaribili in quindici giorni. Fortunatamente, grazie al tempestivo intervento di colleghi della compagnia di Francavilla Fontana, i loro aggressori sono stati immediatamente arrestati. Si tratta del 23enne Giovanni Nardelli e del 32enne Giuseppe Cardone, entrambi di Francavilla ed entrambi con precedenti.

I due dovranno rispondere di minacce, lesioni e oltraggio a pubblico ufficiale, lesioni alla moglie del carabiniere e danneggiamento dell'ambulanza del 118. Il pubblico ministero di turno ha disposto gli arresti domiciliari. Giuseppe Cardone, inoltre, è risultato positivo ai test dell'alcool e della droga, mentre il suo complice si sarebbe rifiutato di sottoporsi ai controlli.

La causa del sinistro, verificatosi sulla provinciale che collega Francavilla a Ceglie Messapica, all'altezza di contrada Tredicina, sembrerebbe risieda in una mancata precedenza.

Intorno alle 23 l'auto con a bordo la coppia di coniugi francavillesi e quella dove c'erano Cardone e Nardelli, all'altezza di un incrocio, si sono scontrate. Nulla di grave e preoccupante fino a quando i due soggetti che poi sono finiti in manette, non sono scesi dall'abitacolo. Il carabiniere in servizio a Taranto mai avrebbe immaginato di ritrovarsi vittima di un pestaggio. I due personaggi coinvolti nell'incidente sono scesi dall'auto in preda a tutte le furie, una reazione esagerata rispetto alla portata del sinistro.

Non solo hanno aggredito il militare ma hanno anche sferrato colpi alla moglie. Sul posto si è subito portata un'ambulanza del 118 chiamata da alcuni passanti e una pattuglia del 112. I due invece di calmarsi hanno danneggiato con calci e pugni anche l'ambulanza del 118. A quel punto è intervenuta la pattuglia dei carabinieri che dopo aver bloccato i due aggressori li ha trasportati in caserma e dopo le formalità di rito arrestati. La coppia di coniugi, invece, è stata trasportata all'ospedale Perrino di Brindisi dove è stata sottoposta a ulteriori accertamenti. Fortunatamente non hanno riportato ferite gravi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale sulla superstrada: lunedì i funerali del dipendente comunale

  • Omicidio Carvone: nuovi arresti per una sparatoria

  • Violento scontro fra auto e scooter a Brindisi: grave un 15enne

  • Bollo auto non pagato: condono per importi fino a 1000 euro

  • Schiva una coltellata e costringe il bandito a mollare il bottino

  • Minacce e fucilata tra i bambini prima dell'agguato mortale

Torna su
BrindisiReport è in caricamento