Operaio investito: un collega insegue auto pirata e la blocca

Dipendente della ditta Santa Teresa investito mentre effettuava lavori di manutenzione sulla strada Ostuni-Ceglie Messapica. Un collega ha intercettato il conducente dell'auto presso un'area di servizio

Foto di repertorio

OSTUNI – Ha investito un operaio e ha proseguito senza fermarsi a prestare soccorso, ma un collega del malcapitato lo ha inseguito, fino a bloccarlo in una stazione di servizio. E’ accaduto intorno alle ore 10.30 di oggi (mercoledì 15 gennaio) sulla strada provinciale che collega Ostuni a Ceglie Messapica, nell’agro della Città Bianca.

Un dipendente della ditta Santa Teresa, società partecipata della Provincia di Brindisi, insieme ad altri due colleghi e a due capo cantieri, stava effettuando dei lavori di manutenzione stradale, quando è stato centrato da una Fiat Panda condotta da un uomo residente a Ceglie. 

Il conducente ha tirato dritto, proseguendo verso la Città Bianca. Un altro operaio è salito a bordo del furgoncino aziendale e ha iniziato a tallonare l’automobilista, che si è fermato in un’area di servizio alle porte di Ostuni. Qui è stato raggiunto dal lavoratore. Poco dopo sono arrivati anche gli agenti della Polizia locale di Ostuni.

L’operaio investito, soccorso dal personale del 118, è stato trasportato d’urgenza presso il Pronto soccorso dell’ospedale Perrino di Brindisi. La Panda è stata posta sotto sequestro. 

Articolo aggiornato alle ore 13.56 del 15 gennaio (modello auto e Comune di residenza del conducente)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus, paziente in valutazione al Perrino. Treno bloccato a Lecce

  • Virus, declassato caso sospetto, ma resta l'isolamento. Un altro oggi

  • Dramma a Savelletri: cadavere di un uomo ritrovato sugli scogli

  • Brindisi: tentatato suicidio in carcere. Detenuto salvato da un agente

  • Detenuto ai domiciliari ingerisce acido: morto dopo dieci giorni di agonia

  • Furto di trattore si conclude con inseguimento, incidente e arresto

Torna su
BrindisiReport è in caricamento