Giallo per il giovane in scooter morto a Speziale: forse è stato travolto

L'ipotesi è sostenuta dal primo esame delle lesioni fatali subite dal 19enne che stava andando al lavoro

L'incidente mortale di Speziale (foto gofasano)

FASANO - I carabinieri della compagnia di Fasano hanno alcuni importanti elementi per ipotizzare la responsabilità di terze persone nell'altro incidente stradale mortale che ha insanguinato le prime ore del mattino di questa vigilia di Ferragosto, quello avvenuto attorno alle 5,45 sulla ex statale 16 Ostuni-Fasano poco prima della frazione di Speziale.

La vittima, il 19ennne Giuseppe Vinci di Fasano, stava percorrendo la 16 per raggiungere il posto di lavoro in un vivaio di Speziale, quando ha perso il controllo dello scooter Piaggio Liberty finendo sull'asfalto e terminando sulla corsia opposta. Ma è molto probabile che vi sia stato il coinvolgimento di un veicolo in transito.

La morte del 19enne fasanese infatti è attribuibile ad un forte urto con segni di trascinamento e arrotamento del corpo, dicono i carabinieri del Norm di Fasano. E mentre proseguono gli accertamenti, il pm che si occupa del caso attenderà anche gli esiti dell'autopsia: la salma infatti è stata trasferita nella camera mortuaria dell’Ospedale “Perrino” di Brindisi a disposizione del medico legale.

Potrebbe interessarti

  • Blatte e scarafaggi, come allontanarli

  • Anguria, antiossidante: proprietà, benefici e controindicazioni

  • Stp: rinnovate tutte le corse per le marine della provincia

  • Cicloturismo a Brindisi e provincia: le associazioni crescono

I più letti della settimana

  • Tragedia in campagna: donna rimane incastrata in una vecchia fornace, muore in ambulanza

  • Incidente mortale sul cavalcavia: condannato per omicidio stradale

  • Furgone imbottito di marijuana: 218 chili, un arresto

  • Bottiglie d'acqua minerale esposte al sole: sequestro in un supermercato

  • Inseguiti e arrestati subito dopo il furto di uno scooter

  • Brucia l'auto di un avvocato: secondo episodio in pochi mesi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento