Auto si ribalta e finisce sull'aiuola spartitraffico: due persone ferite

Alla guida c’era una donna, sul sedile del passeggero sembrerebbe un nipote. Per entrambi si è trattato solo di tanta paura

La scena dell'incidente

SAN PIETRO VERNOTICO – Per fortuna non avrebbero riportato conseguenze preoccupanti le due persone rimaste coinvolte in un incidente sulla rotatoria per Squinzano a San Pietro Vernotico. L’auto sulla quale viaggiavano è finita capovolta in un’aiuola spartitraffico. Alla guida c’era una donna, sul sedile del passeggero sembrerebbe un nipote. Per entrambi si è trattato solo di tanta paura.

L’incidente si è verificato intorno alle 14.30 di oggi, martedì 12 marzo. Entrambi i feriti sono stati soccorsi da un’ambulanza del 118 giunta dal vicino Punto di primo intervento. Della ricostruzione della dinamica se ne stanno occupando gli agenti della Polizia locale di San Pietro Vernotico intervenuti per i rilievi. Le cause che hanno fatto perdere il controllo del veicolo, si tratta di una Fiat Panda, non sono ancora state accertate. I due feriti sono stati portati al Pronto soccorso dell’ospedale Perrino di Brindisi. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Strage nella notte, tre giovani morti in un incidente stradale

  • Sport

    Banks torna in tempo per il difficile spareggio con Varese

  • Sport

    Scontri dopo Fasano-Altamura: per undici ultras Daspo e denuncia

  • Politica

    Forza Italia: "No all'autonomia differenziata delle regioni del Nord"

I più letti della settimana

  • Strage nella notte, tre giovani morti in un incidente stradale

  • Tragedia sulla strada Ostuni-Montalbano: morti due ragazzi

  • Rapinatori nell'ufficio postale del Casale: "Tranquilli, vi vogliamo bene ragazzi"

  • Attaccati e feriti da pitbull, cavalla sbalza il padrone e fugge in paese

  • Trasportavano parti auto rubata: inseguiti e presi dalla Polstrada

  • Giovane disoccupata voleva lanciarsi nel vuoto, bloccata da passante

Torna su
BrindisiReport è in caricamento