Incuria sulla spiaggia libera fra i due lidi: Ecotecnica rimuove i rifiuti

L'azienda ripulisce la "lingua" di sabbia compresa fra i lidi Granchio Rosso e Risirgimento. "D'ora in poi niente sconti"

BRINDISI – Il tratto di spiaggia libera compreso fra i lidi Granchio Rosso e Risorgimento, in località Punta Penne, sul litorale nord di Brindisi, è stato finalmente liberato dai rifiuti che si erano accumulati nei giorni scorsi. Dopo aver ricevuto numerose lamentele da parte dei cittadini, la redazione di BrinsisiReport, con un videoservizio pubblicato sabato scorso (7 luglio), aveva documentato lo stato di degrado in cui versa l’area. 

La ditta Ecotecnica, appaltatrice del servizio di pulizia delle spiagge per conto del Comune di Brindisi, non è rimasta indifferente al malcontento espresso dai bagnanti. Gli operatori dell’azienda salentina, alle prime luci di oggi (8 luglio), su richiesta del direttore generale Federico Zilli, hanno raggiunto la “lingua” di sabbia e a stretto giro hanno rimosso cumuli di rami, plastica e altri oggetti portati sia dal mare che dagli incivili.

La società in questo modo ha rimediato al mancato intervento dei gestori degli stabilimenti balneari, poiché ricade sui lidi l’obbligo di tenere pulita l’area demaniale entro vento metri dallo spazio in concessione, da entrambi i lati. Ma d’ora in avanti, fa sapere l’azienda, non si faranno più sconti e verranno adottati i provvedimenti del caso, se si dovessero ripetere episodi di incuria. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz dei carabinieri contro la Scu: 37 arresti per droga, armi ed estorsioni

  • Cellino, nuovo boato nella notte: bomba carta fatta esplodere per strada

  • Incidente nella notte, quattro giovani feriti. "Ringrazio i medici"

  • Operazione Synedrium: i pizzini, le armi e il ruolo delle donne

  • Synedrium: “Estorsioni anche agli ambulanti del mercato di Sant’Elia”

  • Furto di trattore si conclude con inseguimento, incidente e arresto

Torna su
BrindisiReport è in caricamento