Scafisti intercettati al largo di Cerano: sequestrate quasi due tonnellate di droga

L'operazione è stata condotta la scorsa notte dalla guardia di finanza del Roan di Bari. Arrestati un brindisino e un albanese. Si tratta di uno dei sequestri più ingenti degli ultimi anni

Foto di repertorio

BRINDISI – Quasi due tonnellate di marijuana sono state sequestrate la scorsa notte (fra martedì 10 e mercoledì 11 gennaio) dalla guardia di finanza del Roan di Bari. Le unità navali delle fiamme gialle hanno intercettato un motoscafo carico di droga a circa 11 miglia di Cerano. A bordo dell’imbarcazione si trovavano un brindisino già noto alle forze dell’ordine, Domenico Pascariello, 47 anni e un albanese di 45 anni, H.B . Entrambi sono stati arrestati per detenzione e traffico internazionale di stupefacenti. Lo stupefacente, pari a 1 tonnellata e 900 chilogrammi di marijuana, confezionata in 84 colli di varie dimensioni, sottratto al mercato illegale, avrebbe fruttato al dettaglio oltre 19 milioni di euro all’organizzazione criminale. Il natante, lungo 10 metri con due potenti motori entrobordo, è stato condotto agli ormeggi della Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza di Brindisi.

foto marijuana 03-3

I dettagli dell’operazione. Durante un consueto pattugliamento delle acque del basso Adriatico effettuato dalle Fiamme Gialle nonostante le rigidissime temperature di questi giorni, è stata intercettata un’imbarcazione sospettata di traffici illeciti che si dirigeva verso le coste pugliesi. È immediatamente scattata la risposta del dispositivo aeronavale del Corpo, realizzato con le vedette veloci del Reparto operativo aeronavale della Guardia di Finanza di Bari, competente per la sorveglianza delle coste pugliesi, e un pattugliatore del Gruppo aeronavale di Taranto che svolge le funzioni di Centro di Coordinamento Locale Frontex per l’operazione “Triton”.

All’alba di oggi, a circa 11 miglia al largo di Brindisi, l’equipaggio di un pattugliatore veloce del Corpo ha localizzato il motoscafo segnalato, carico di involucri di sostanza stupefacente che navigava verso le coste brindisine. Una vedetta veloce open delle Fiamme Gialle, in poco tempo lo ha raggiunto, bloccandolo a poche miglia a largo di Brindisi. Il brindisino, difeso dall’avvocato Luca Leoci e l’albanese sono stati arrestati in flagranza di reato. Sono in corso approfondite indagini in collaborazione con le Autorità di polizia albanesi e con il Nucleo di Frontiera Marittima di stanza a Durazzo per risalire al sodalizio criminale responsabile del traffico internazionale di sostanze stupefacenti.

foto marijuana 02-3

Si tratta dell’ennesimo sequestro di droga fatto dalle Fiamme gialle lungo le rotte percorse dai trafficanti che operano nel Canale d’Otranto. I quantitativi di droga trasportati verso il litorale salentino sono ingentissimi. Basti pensare che lo scorso 17 dicembre, sulla spiaggia di Lendinuso, sempre marina di Torchiarolo, venne recuperato un gommone con tracce di droga. Un paio di giorni prima, invece, lì in quella zona, i finanzieri recuperarono 463 chilogrammi di marijuana dopo aver ingaggiato un inseguimento con degli scafisti. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Agente infedele intasca i soldi dei clienti: condannata compagnia assicuratrice

  • Cronaca

    “Sono io il rapinatore della gioielleria, gli altri non c’entrano”

  • Cronaca

    Incidente mentre pescava polpi, muore un pensionato

  • Cronaca

    Incontro di riflessione e preghiera ricordando Lorenzo Caiolo

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sulla statale 7: muore ex sindaco di San Vito

  • Morte ex sindaco: arrestato l'altro conducente, sotto effetto di alcol e droga

  • Auto si schianta contro un trattore sulla Brindisi-San Vito: un ferito

  • Brindisina uccisa a colpi di pistola in Brianza

  • Marijuana nello zaino: arrestata studentessa di 16 anni

  • Il commosso addio al professor Caiolo: "Una persona semplice, gli dobbiamo tanto"

Torna su
BrindisiReport è in caricamento