Lastre di amianto abbandonate nella riserva di Torre Guaceto

ell'ambito del servizio di monitoraggio dell'Area Protetta, nella mattinata di oggi il personale del Consorzio di Gestione della Riserva di Torre Guaceto ha scoperto uno scarico illecito in una zona adiacente all'area di competenza

TORRE GUACETO - Nell’ambito del servizio di monitoraggio dell’Area Protetta, nella mattinata di oggi il personale del Consorzio di Gestione della Riserva di Torre Guaceto ha scoperto uno scarico illecito in una zona adiacente all’area di competenza.

Si tratta di un ammasso di tettoie di cemento con probabile contenuto di amianto abbandonato nel sito d’importanza comunitaria Torre Guaceto Macchia San Giovanni. Quanto rilevato è stato immediatamente riferito agli organi competenti.

Il Consorzio di Gestione della Riserva non può che rammaricarsi per quanto accaduto. A distanza di pochi giorni dalla demolizione di edifici abusivi siti all’interno dell’Area Protetta, voluta dalla Regione Puglia ai fini della tutela del luogo naturalistico, dobbiamo constatare che c’è ancora chi riconosce in Torre Guaceto un punto di scarico di materiale edilizio e pericoloso.

Infatti, questo non è un caso isolato. Un episodio similare si è verificato già due anni addietro, quando alcuni individui hanno scaricato materiale di risulta e olio esausto all’interno dello stesso Sic. L’ente gestore ora chiede alle forze dell’Ordine un più pressante controllo del territorio.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Conflitto a fuoco fra benzinaio e malvivente: esplosi almeno sei colpi

    • Cronaca

      Via del mare, dialogo tra Comune e Authority: possibile accordo sul cristallo

    • Cronaca

      Donna muore in ospedale dopo intervento chirurgico: presentata denuncia

    • Cronaca

      Falsi invalidi e ossigeno facile: sentenza d’appello per 19 imputati

    I più letti della settimana

    • Giovane padre di famiglia muore all'improvviso: autorizzato l'espianto degli organi

    • Malore per Al Bano: prime cure a Bari, poi il ricovero al "Fazzi" di Lecce

    • Nuova rapina in città: bandito armato di pistola irrompe nel supermercato

    • Le sbarre si abbassano all'improvviso: "Mi sono salvata per un pelo"

    • Agguato di mala nel Tarantino: un brindisino fra i presunti killer

    • Omicidi e armi, libero il pentito Bullone: chiede la riduzione della pena

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento