Torna dalla Germania e viene arrestato a 10 anni dai fatti

Si tratta di un quarantenne di Ostuni coinvolto in fatti di droga del 2009. Pendeva un'ordinanza di custodia cautelare del 2012

OSTUNI - Torna a casa dopo un lungo periodo trascorso in Germania, dove si era trasferito dopo essere rimasto coinvolto in una indagine su una rete di spaccio che operava tra Ostuni, Fasano e Cisternino, e anche in altri centri della Valle d'Itria, ma incappa in un controllo dei carabinieri e viene arrestato perchè nei suoi confronti pendeva un'ordinanza di custodia cautelare in carcere dal marzo del 2012, spiccata dal giudice delle indagini preliminari Tea Verderosa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si tratta di Raffaele Turco, oggi quarantenne, domiciliato ufficialmente nella borgata costiera di Villanova all'epoca dei fatti, che risalgono al 2009, anno in cui Turco (difeso dall'avvocato Vito Cellie)  assieme ad altri soggetti implicati nell'indagine dei carabinieri era - secondo le accuse - dedito allo spaccio di cocaina, hascisc e marijuana, oggetto di sequestro da parte degli investigatori in diverse circostanze, una anche a Martina Franca oltre che a Cisternino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaventoso scontro fra due auto in Emilia: grave un giovane brindisino

  • "Impossibile garantire distanziamento sociale", Carrisiland rinuncia alla stagione 2020

  • Scontro fra due auto sulla provinciale: feriti un uomo e una donna

  • Quattro nuovi casi in Puglia, uno in provincia di Brindisi

  • Positivi al Melli: Rizzo chiede conto alla Asl e nel frattempo chiude attività e spiaggia libera

  • Coronavirus, solo un caso in Puglia. Due morti nel Brindisino

Torna su
BrindisiReport è in caricamento