Torna dalla Germania e viene arrestato a 10 anni dai fatti

Si tratta di un quarantenne di Ostuni coinvolto in fatti di droga del 2009. Pendeva un'ordinanza di custodia cautelare del 2012

OSTUNI - Torna a casa dopo un lungo periodo trascorso in Germania, dove si era trasferito dopo essere rimasto coinvolto in una indagine su una rete di spaccio che operava tra Ostuni, Fasano e Cisternino, e anche in altri centri della Valle d'Itria, ma incappa in un controllo dei carabinieri e viene arrestato perchè nei suoi confronti pendeva un'ordinanza di custodia cautelare in carcere dal marzo del 2012, spiccata dal giudice delle indagini preliminari Tea Verderosa.

Si tratta di Raffaele Turco, oggi quarantenne, domiciliato ufficialmente nella borgata costiera di Villanova all'epoca dei fatti, che risalgono al 2009, anno in cui Turco (difeso dall'avvocato Vito Cellie)  assieme ad altri soggetti implicati nell'indagine dei carabinieri era - secondo le accuse - dedito allo spaccio di cocaina, hascisc e marijuana, oggetto di sequestro da parte degli investigatori in diverse circostanze, una anche a Martina Franca oltre che a Cisternino.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Strage nella notte, tre giovani morti in un incidente stradale

  • Sport

    Banks torna in tempo per il difficile spareggio con Varese

  • Sport

    Scontri dopo Fasano-Altamura: per undici ultras Daspo e denuncia

  • Cronaca

    "Spari in un'abitazione": si indaga, un uomo interrogato

I più letti della settimana

  • Strage nella notte, tre giovani morti in un incidente stradale

  • Tragedia sulla strada Ostuni-Montalbano: morti due ragazzi

  • Rapinatori nell'ufficio postale del Casale: "Tranquilli, vi vogliamo bene ragazzi"

  • Attaccati e feriti da pitbull, cavalla sbalza il padrone e fugge in paese

  • Trasportavano parti auto rubata: inseguiti e presi dalla Polstrada

  • Giovane disoccupata voleva lanciarsi nel vuoto, bloccata da passante

Torna su
BrindisiReport è in caricamento