Lavoro nero, controllate 18 aziende: nove denunce, ammende per 60mila euro

Su 37 lavoratori, 21 risultati irregolari e 11 in nero. Tre provvedimenti di sospensione delle attività imprenditoriali

BRINDISI - Carabinieri alla ricerca di lavoratori in nero o irregolari impiegati nelle aziende di Brindisi e in provincia. E a caccia di trasgressori  rispetto agli obblighi in materia di tutela della salute sui luoghi di lavoro. Risultato: 18 imprese finite sotto la lente di ingradimento, 37 dipendenti finiti sotto ispezione con la scoperta di  21 posizioni irregolari e undici totalmente in nero, di conseguenza i militari hanno denunciato nove legali rappresentanti, sanzionando le ditte.

Le verifiche

I controlli a campione sono stati posti in essere nella giornata del 30 aprile, alla vigilia della festa dei lavoratori, e hanno visto impegnati i- carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Brindisi unitamente al personale dell'Ispettorato Territoriale del Lavoro. I militari hanno passato in rassegna imprese che operano nei settori dell'agricoltura, edilizia e metalmeccanica, con un duplice obiettivo: innanzitutto frenare il fenomeno del "lavoro nero" e irregolare, purtroppo una piaga nel territorio brindisino, in secondo luogo verificare il rispetto delle disposizioni di legge in materia di tutela della salute sui luoghi di lavoro.

Denunce e sanzioni

Per questi motivi hanno sottoposto a controllo 18 aziende scoprendo che tre erano irregolari. Verificando le posizioni di 37 lavoratori, ne hanno scoperti  21  irregolari, gli altri in nero. Al termine delle verifiche, sono stati deferiti in stato di libertà nove persone in qualità di  titolari – legali rappresentanti di attività, responsabili, a vario titolo, di "violazioni di cui al decreto legislativo 81/2008", meglio conosciuto come Testo Unico Sicurezza nei luoghi di lavoro (disposizioni per il contrasto del lavoro irregolare e per la tutela della salute e sicurezza dei lavoratori).

Sono state comminate sanzioni amministrative per un importo totale pari a  42.100  euro e sono state contestate ammende perc di 60.100 euro. Tre, infine, i  provvedimenti di sospensione dell'attività imprenditoriale in ottemperanza all’art. 14 D. Lgs. 81/2008.

Potrebbe interessarti

  • La banana, un fabbisogno giornaliero

  • Dopo Ferragosto, in forma con la dieta detox

  • Smettere di fumare: trucchi e consigli per dire addio al tabacco

  • Topi, sporcizia e inciviltà: il parco del Cillarese sprofonda nel degrado

I più letti della settimana

  • Scontro fra tre auto sulla strada per il mare: un morto e nove feriti

  • Parcheggiatore stroncato da infarto nella movida delle discoteche

  • Si apparta con la moglie di un detenuto: mamma e figli lo pestano

  • Tragedia in spiaggia: anziano perde la vita mentre fa il bagno

  • Furti nelle auto parcheggiate sulla costa: scoperti i responsabili

  • Posti in spiaggia "prenotati": la Capitaneria sequestra tutto

Torna su
BrindisiReport è in caricamento