Legò la vittima col nastro adesivo, ma ha lasciato tracce del suo Dna

CELLINO S.MARCO - Lo hanno incastrato gli esami effettuati nei laboratori del Ris di Parma sul nastro adesivo utilizzato per bloccare la vittima, e ieri i carabinieri di Cellino S.Marco hanno notificato al 42enne Giovanni Quarta, già agli arresti domiciliari per altro, un provvedimento restrittivo emesso dal giudice delle indagini preliminari di Treviso per rapina aggravata e sequestro di persona.

Giovanni Quarta

CELLINO S.MARCO - Lo hanno incastrato gli esami effettuati nei laboratori del Ris di Parma sul nastro adesivo utilizzato per bloccare la vittima, e ieri i carabinieri di Cellino S.Marco hanno notificato al 42enne Giovanni Quarta, già agli arresti domiciliari per altro, un provvedimento restrittivo emesso dal giudice delle indagini preliminari di Treviso per rapina aggravata e sequestro di persona.

Quarta, secondo le ricostruzioni investigative, è l'autore di un colpo messo a segno il 25 marzo del 2009 a Roncade, nel Trevigiano, contro un distributore di carburante della Shell in via Hemingway. Vittima di turno, il benzinaio Claudio Tiveron di 35 anni, che sotto la minaccia di un'arma fu costretto a consegnare l'incasso di alcune centinaia di euro. Poi, per impedirgli di dare l'allarme, fu imprigionato e imbavagliato con l'impiego di abbondante nastro adesivo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il bandito, in quella circostanza, però non aveva i guanti ed ha lasciato varie impronte proprio sul nastro usato per legare mani e piedi a Tiveron, reperto che i carabinieri ebbero l'accortezza di recuperare e inviare al Ris per una approfondita valutazione. Le impronte hanno consentito ai tecnici di individuare anche tracce di Dna del rapinatore, pista che ha condotto sino a Giovanni Quarta (già sospettato) che all'epoca viveva a Meolo sempre in provincia di Treviso, nel frattempo tornato in Puglia e finito agli arresti domiciliari per reati contro il patrimonio. Ora il cellinese è a disposizione dei magistrati veneti nel carcere di Brindisi, in attesa di eventuale traduzione al Nord.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brindisi, ospedale Perrino: turista lombardo positivo al Covid-19

  • Furgone si ribalta sull'autostrada: brindisino muore in Veneto

  • Spari contro il balcone di un'abitazione: feriti marito e moglie

  • Giovane malmenata in strada: carabiniere fuori servizio blocca fidanzato violento

  • Notte movimentata: rissa tra giovani e spari contro un'auto

  • Ostuni torna a popolarsi di vip, fra cantanti ed ex campioni del mondo

Torna su
BrindisiReport è in caricamento