Legò la vittima col nastro adesivo, ma ha lasciato tracce del suo Dna

CELLINO S.MARCO - Lo hanno incastrato gli esami effettuati nei laboratori del Ris di Parma sul nastro adesivo utilizzato per bloccare la vittima, e ieri i carabinieri di Cellino S.Marco hanno notificato al 42enne Giovanni Quarta, già agli arresti domiciliari per altro, un provvedimento restrittivo emesso dal giudice delle indagini preliminari di Treviso per rapina aggravata e sequestro di persona.

Giovanni Quarta

CELLINO S.MARCO - Lo hanno incastrato gli esami effettuati nei laboratori del Ris di Parma sul nastro adesivo utilizzato per bloccare la vittima, e ieri i carabinieri di Cellino S.Marco hanno notificato al 42enne Giovanni Quarta, già agli arresti domiciliari per altro, un provvedimento restrittivo emesso dal giudice delle indagini preliminari di Treviso per rapina aggravata e sequestro di persona.

Quarta, secondo le ricostruzioni investigative, è l'autore di un colpo messo a segno il 25 marzo del 2009 a Roncade, nel Trevigiano, contro un distributore di carburante della Shell in via Hemingway. Vittima di turno, il benzinaio Claudio Tiveron di 35 anni, che sotto la minaccia di un'arma fu costretto a consegnare l'incasso di alcune centinaia di euro. Poi, per impedirgli di dare l'allarme, fu imprigionato e imbavagliato con l'impiego di abbondante nastro adesivo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il bandito, in quella circostanza, però non aveva i guanti ed ha lasciato varie impronte proprio sul nastro usato per legare mani e piedi a Tiveron, reperto che i carabinieri ebbero l'accortezza di recuperare e inviare al Ris per una approfondita valutazione. Le impronte hanno consentito ai tecnici di individuare anche tracce di Dna del rapinatore, pista che ha condotto sino a Giovanni Quarta (già sospettato) che all'epoca viveva a Meolo sempre in provincia di Treviso, nel frattempo tornato in Puglia e finito agli arresti domiciliari per reati contro il patrimonio. Ora il cellinese è a disposizione dei magistrati veneti nel carcere di Brindisi, in attesa di eventuale traduzione al Nord.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Altri 23 casi in provincia di Brindisi: il bilancio sale a quota 148

  • Lavori agricoli, arriva il sì dalla Regione: "attività indifferibili"

  • Addio a Nanuccio il pescatore: da 12 giorni attendeva l'esito del tampone

  • Paziente muore in ambulanza. Sgomberata Pneumologia

  • Azzeramento dei contagi in Puglia: le proiezioni di un centro di ricerca

  • Scu, si è suicidato il pentito Sandro Campana: accusò il fratello Francesco

Torna su
BrindisiReport è in caricamento