Lungomare, scaduto il bando dell’Authority: apertura buste rinviata sine die

"Intervenute difficoltà organizzative dell'Amministrazione": è scritto nell'avviso pubblicato sul sito internet 24 ore prima della data indicata nella gara. I lavori di consolidamento banditi dopo la fine del restyling di viale Regina Margherita: importo di partenza superiore a quattro milioni di euro

BRINDISI – Buste ancora chiuse negli uffici dell’Autorità portuale di Brindisi, dopo la scadenza del bando da oltre quattro milioni di euro per il consolidamento delle banchine del lungomare. Perché  24 ore prima della data stabilita per l’apertura delle offerte, l’Ente ha rinviato sine die.

La sede dell'Autorità PortualePer quale motivo? La spiegazione alla base del rinvio a data da destinarsi, è stata affidata a un avviso di due righe pubblicato nella giornata di ieri, 9 maggio, sul sito internet dell’Ente portuale ed è la seguente: “intervenute difficoltà organizzative dell’Amministrazione”. Difficoltà che non hanno consentito di procedere con l’apertura dei plichi sigillati previsti per oggi, 10 maggio.

La conseguenza? Tutto congelato, al momento. “Si darà comunicazione in merito alla nuova data mediante pubblicazione, sul sito web di un ulteriore avviso”. Altro non è stato scritto dal dirigente dell’Area Tecnica, Francesco Di Leverano. A questo punto i plichi pervenuti in risposta al bando pubblicato dall’Autorità portuale restano lì dove sono e le società che hanno partecipato al bando, da sole oppure in Ati, sono in attesa del contrordine per la convocazione della commissione che sarà possibile solo una volta superate le ragioni dell’impedimento.

Il bando, più esattamente la procedura aperta, riguarda l’”affidamento dei lavori di riqualificazione del lungomare Regina Margherita, della banchina Thaon de Revel e la ristrutturazione di quelle del water-fronte di Brindisi”, con “consolidamento della banchina Dogana e Centrale”.

Importo complessivo pari a 4.194.235,01 euro di cui 4.081.235,01 per lavori soggetti a ribasso e 113mila per oneri per la sicurezza.

Il progetto è stato validato con verbale del primo dicembre 2015, periodo in cui a Palazzo di città era ormai chiaro il cantiere per il restayling del lungomare, da intendere come parte di competenza del Comune di Brindisi, sarebbe stato chiuso con un certo ritardo anche in considerazione dei ritrovamenti nel sottosuolo, a circa un metro, dei quali è stata data notizia alla Soprintendenza ai beni culturali. I lavori del cosiddetto quarto stralcio, per l’importo complessivo pari a 2.216.062 euro e 96 centesimi, sono terminati. Mancano le rifiniture. E a quanto pare chiuso quel cantiere, dovrebbe aprirsene un altro, quello che interessa la parte di pertinenza dell’Autorità portuale, con una precisazione legata al fatto che la zona a giugno ospiterà la regata velica Brindisi-Corfù.

Porto di Brindisi, il lungomarePiù di qualcuno in effetti si è chiesto come mai i due Enti non abbiano dialogato per sincronizzare i tempi dei lavori ed evitare di ritrovarsi con il lungomare oggetto di ristrutturazioni senza fine. Il Comune all’epoca non era commissariato, l’Authority sì.

I nuovi lavori hanno come “obiettivo il ripristino dei tratti del fronte di banchina maggiormente interessati da fenomeni di degrado, quali ingrottature o distacchi parziali e la consequenziale regolarizzazione del parametro mediante uno specifico intervento di regolarizzazione costituito dalla preventiva infissione di un palancolato con successivo intasamento mediante getto di cls fluido”.

Nel progetto è stato ricordato che “i tratti interessati rappresentano i fronti di accosto della banchina stazione marittima, della banchina dogana e della banchina centrale” e che le “opere previste sono finalizzate a preservare la stabilità e la sicurezza da fenomeni erosivi causati dalle eliche delle navi in accosto e l’ormeggio di yacht e mega-yacht”.

Il termine di esecuzione indicato è di 375 giorni naturali e consecutivi dalla data del verbale di consegna dei lavori.

Potrebbe interessarti

  • Dopo Ferragosto, in forma con la dieta detox

  • Potassio, usi e benefici: perché assumerlo e gli alimenti che lo contengono

  • Falsi amici: gli alimenti che mangi per dimagrire, invece fanno ingrassare

  • Topi, sporcizia e inciviltà: il parco del Cillarese sprofonda nel degrado

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla superstrada: camionista travolto e ucciso da un'auto

  • "Hanno aiutato il nostro bimbo, aiutateci a rintracciarli e ringraziarli"

  • Tamponamento sulla superstrada finisce con denuncia per rissa

  • Pulmino si schianta contro un albero: feriti sette braccianti, due sono gravi

  • Scontro sulla litoranea: mamma e due bambini in ospedale

  • La Polstrada recupera auto rubata dopo un inseguimento

Torna su
BrindisiReport è in caricamento