Pugni alla moglie in presenza dei figli: arrestato un marito violento

Le violenze fisiche e psicologiche andavano avanti dal 2008. Sabato 9 marzo la violenta aggressione. Intervenuti i carabinieri

FRANCAVILLA FONTANA – Ha colpito la moglie con pugni al volto, in presenza dei figli. Dopo aver subito maltrattamenti per undici anni, finisce l’incubo di una donna. Il marito, un operaio di 52 anni, è stato arrestato in flagranza di reato dai carabinieri della locale stazione.

I fatti si sono verificati nella giornata di sabato (9 marzo), all’interno dell’abitazione in cui risiede la famiglia. Incurante della presenza dei figli, l’uomo ha percosso più volte la moglie, fino a colpirla al volto. La malcapitata si è recata presso il Pronto soccorso dell’ospedale Camberlingo. Le lesioni riportate sono state refertate con prognosi di sette giorni.

I carabinieri, messi al corrente dei fatti, hanno subito avviato un’indagine dalla quale è emerso ce dal 2008 la donna subiva violenze fisiche e verbali da parte del marito. Una vita di vessazioni, insomma, che la donna non aveva mai denunciato per amore dei figli e nella speranza che le cose potessero cambiare. Tutto questo fino alla violenta aggressione di sabato.

L’uomo, dopo le formalità di rito, è stato condotto presso la casa circondariale di Brindisi. Deve rispondere di per maltrattamenti in famiglia. 

Potrebbe interessarti

  • Musica dei locali: nuovi orari per costa e centro urbano

  • L’albicocca, antico frutto della fertilità

  • Come riparare le piante dal caldo estivo e dal sole

  • Librerie fai da te: alcune idee

I più letti della settimana

  • Accoltellamento mortale dopo furibonda lite tra consuoceri

  • Vino sofisticato: undici arresti e quattro cantine sequestrate

  • Altri temporali in arrivo, l'allerta meteo passa ad arancione sulla costa

  • Auto fuori controllo sulla provinciale: un uomo perde la vita

  • Aste giudiziarie, pressioni e minacce ai partecipanti: quattro arresti

  • Fuochi d'artificio al matrimonio: colpito al volto, perde un occhio

Torna su
BrindisiReport è in caricamento