Già denunciato dalla moglie in passato, l'aggredisce di nuovo: arrestato

Finisce agli arresti in una comunità terapeutica della zona un uomo di 53 anni che per futili motivi martedì sera a Latiano ha aggredito la moglie, procurandole lesioni. Il marito violento è stato bloccato dai carabinieri della stazione locale

LATIANO – Finisce agli arresti in una comunità terapeutica della zona un uomo di 53 anni che per futili motivi martedì sera a Latiano ha aggredito la moglie, procurandole lesioni. Il marito violento è stato bloccato dai carabinieri della stazione locale chiamati all’intervento, e trasferito in caserma dov e i militari, dopo una consultazione con il magistrato della procura, lo hanno dichiarato in arresto per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali.

Il protagonista della vicenda, originario della provincia di Torino ma domiciliato a Latiano, non è nuovo ad episodi del genere. La moglie, infatti, lo aveva già denunciato formalmente l’1 aprile scorso sempre per maltrattamenti. Analoga denuncia è stata raccolta anche questa volta dai carabinieri di Latiano dopo l’ultima aggressione.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Ennesima rapina a Brindisi: in tre irrompono in tabaccheria, paura tra i clienti

  • Politica

    "In campo per rivitalizzare la sinistra, nessuna ostilità nei confronti del Pd"

  • Cronaca

    Traffico di droga dall’Albania: processo in abbreviato per dieci brindisini

  • Economia

    "Il porto non ha perso i finanziamenti, alcune opere già ultimate"

I più letti della settimana

  • "Niente posto per mio figlio. Sembrava di essere in un film di guerra"

  • Estorsioni, rapine, droga e Kalashnikov: undici arresti

  • "Un grosso felino nelle campagne": ricerche tra molti dubbi

  • Rapina nella farmacia comunale: banditi armati di coltello, due feriti

  • "Mio figlio è scomparso": partono le ricerche, ma si trovava nell'armadio

  • Scu, traffico di droga: il pm chiede venti anni per i presunti capi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento