Il commissariato di polizia di Mesagne traccia il bilancio di fine anno

Il commissariato di polizia di Mesagne, in una nota inviata agli organi di informazione traccia il bilancio degli interventi compiuti nell'anno che sta per concludersi, un anno caratterizzato della massima collaborazione con i cittadini e con tutte le forze di polizia del territorio e da un forte spirito di sacrificio da parte di tutto il personale di polizia

MESAGNE – Il commissariato di polizia di Mesagne, in una nota inviata agli organi di informazione traccia il bilancio degli interventi compiuti nell’anno che sta per concludersi, un anno caratterizzato della massima collaborazione con i cittadini e con tutte le forze di polizia del territorio e da un forte spirito di sacrificio da parte di tutto il personale di polizia.

Sono stati  effettuati 8796 controlli su strada, controllati 14.092 soggetti di cui 1400 con precedenti di polizia o condanne penali e 2000 inerenti i sottoposti a restrizione della libertà personale. Sono stati arrestati 17 soggetti per reati vari (di cui due per rogatoria internazionale) e  denunciati a piede libero all’autorità giudiziaria  89 soggetti per reati che vanno da quelli contro il patrimonio a quelli relativi alle sostanze stupefacenti, nonché notificati decine di provvedimenti di esecuzione di ordini di carcerazione e sospensione dei medesimi. Sono stati notificati vari provvedimenti di divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla vittima in materia di stalking. Sono stata acquisite 502 denunce e querele.Per quanto concerne le attività dell’Ufficio di polizia amministrativa e sociale, sono stati rilasciati 432 passaporti e 227 porto d’armi, denegate- revocate 16 autorizzazioni di polizia. Due sono stati i casi di ritiro cautelativo delle armi detenute.

“Un plauso a tutti indistintamente i miei collaboratori che, in questi tempi di spending review – afferma la dirigente del commissariato, Rosalba Cotardo – e di carenza di risorse economiche e materiali che si abbatte anche nel nostro comparto sicurezza, si tengono uniti e vanno avanti comunque, con la consapevolezza che il loro non è solo un lavoro ma una habitus che si indossa anche fuori servizio”. “Io ed il mio personale tutto del commissariato vorremmo ringraziare le autorità civili e militari che, nel periodo a cavallo tra il Natale ed il nuovo anno, personalmente o per iscritto, ci hanno Un momento della conferenza stampa a mesagne-3rispettivamente portato o fatto pervenire i loro auguri e vari attestati di gratitudine per il lavoro svolto.

Analogo ringraziamento rivolgiamo ai cittadini e a quelle realtà territoriali che non ci hanno fatto mancare la loro vicinanza approfittando dell’occasione delle festivi” si legge ancora nella nota. “Anche questi piccoli e spontanei gesti sono “consenso”: consenso a chi, come le forze di polizia, sacrificano la loro vita privata per il bene della collettività, per garantire la sicurezza e l’ordine pubblico. Rappresentano quell’infusione di energia che dà valore all’impegno speso”.

“Personalmente, poi, vorrei rivolgere il mio ringraziamento a tutti i miei collaboratori: agli operatori di volante che presidiano e controllano il territorio nelle 24 ore e che, grazie allo spirito di sacrificio e all’alto senso del dovere, svolgono il loro lavoro ben oltre l’orario ordinario, assicurando la presenza di più pattuglie che prevengono e, laddove necessario, reprimono i reati che si consumano in danno dei cittadini; al personale della Sezione di polizia giudiziaria che svolge servizio antirapina in abiti borghesi, che espleta attività d’indagine ricostruendo la dinamica dei fatti-reato  scoprendone i responsabili e assicurandoli alla giustizia; al personale dell’Ufficio anticrimine che monitora sull’applicazione e revoca dei provvedimenti restrittivi della libertà personale dei pregiudicati e che relaziona con delicate attività di accertamento con i tanti uffici della magistratura; al personale dell’Ufficio denunce e quello della Sala operativa, il primo front office con i cittadini dei quali raccolgono le richieste di intervento, li rassicurano, li “assistono” con professionalità e responsabilità durante le loro problematiche; gli operatori degli uffici burocratico-amministrativi, come l’Ufficio amministrativa, che in tempi rapidissimi istruisce istanze di passaporto e porto d’armi rilasciandone il titolo, come l’Ufficio del personale che gestisce tutte le istanze dei poliziotti e pianifica efficacemente i servizi, come l’Ufficio sistema di indagine he alimenta in tempo reale la banca dati interforze permettendo agli utilizzatori di conoscere i pregiudizi o i precedenti degli “inseriti”.

“Si conclude augurando, per l’anno 2015, a tutti i cittadini la salute, che è certamente il bene più prezioso di cui spesso, avendolo, ci si dimentica mettendolo a repentaglio con abitudini di vita, usi e costumi sbagliati; la serenità, che è una condizione di privilegio che si raggiunge quando si è costruito, non senza fatica e rinunce, un contesto affettivo solido, quando si può contare su un’occupazione lavorativa (che si augura di trovare a chi non ce l’ha) che permette di vivere dignitosamente, quando la coscienza non “bussa alla porta” perché non si ha nulla di cui rimproverarsi”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale sulla superstrada: lunedì i funerali del dipendente comunale

  • Omicidio Carvone: nuovi arresti per una sparatoria

  • Violento scontro fra auto e scooter a Brindisi: grave un 15enne

  • Bollo auto non pagato: condono per importi fino a 1000 euro

  • Schiva una coltellata e costringe il bandito a mollare il bottino

  • Minacce e fucilata tra i bambini prima dell'agguato mortale

Torna su
BrindisiReport è in caricamento