Minacce al vicepresidente di Confartigianato

LATIANO -“Preoccupa ma non intimorisce –ha detto oggi il presidente provinciale di Confartigianato Brindisi, Antonio Ignone– l’avvertimento compiuto dalla criminalità ai danni del titolare dell’esercizio commerciale Lu Furnu di Latiano".

LATIANO -“Preoccupa ma non intimorisce –ha detto oggi il presidente provinciale di Confartigianato Brindisi, Antonio Ignone– l’avvertimento compiuto dalla criminalità ai danni del titolare dell’esercizio commerciale Lu Furnu di Latiano. La preoccupazione è dovuta alle modalità utilizzate in questa occasione dalle organizzazioni malavitose che hanno fatto ritrovare tre cartucce di un fucile calibro 12 all’ingresso del noto panificio della città".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il titolare del negozio, Antonio Madaghiele, è il vicepresidente provinciale di Confartigianato, ma anche presidente regionale dell'associazione dei panificatori aderente alla stessa organizzazione, ed è assessore comunale ai Servizi sociali ad Oria. Recentemente, sempre a Latiano, la vetrata del panificio di Madaghiele, che gestisce anche altri forni ad Oria, è stata danneggiata altre due volte con il lancio di oggetti metallici e candele per motore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nell'ospedale Melli cinque operatori sanitari e un paziente positivi

  • Appropriazione indebita: 31 auto sequestrate dalla polizia a Brindisi

  • "Impossibile garantire distanziamento sociale", Carrisiland rinuncia alla stagione 2020

  • Scontro fra due auto sulla provinciale: feriti un uomo e una donna

  • Positivi al Melli: Rizzo chiede conto alla Asl e nel frattempo chiude attività e spiaggia libera

  • Droga, rapine, armi: chiesto giudizio anche per 5 brindisini

Torna su
BrindisiReport è in caricamento